Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Al porto sit-in dei lavoratori della Catania Port Service
«A Palermo minore attività, ma più addetti impiegati»

Ad affiancare i dipendenti in protesta anche la Cisl. Marcello Fassari: «La prima cosa da fare è creare un bacino unico da cui attingere per i porti della Sicilia Orientale». Ma c'è chi chiede anche di più e fa un confronto con la situazione del capoluogo

Umberto Triolo

Ancora acque agitate per i lavoratori della Catania Port Service. La società che opera per Tirrenia rischia di non avere più una flotta per la città etnea e, di conseguenza, i dipendenti potrebbero rimanere a terra senza lavoro. La compagnia di navigazione, a causa di problemi legati all'assegnazione dei fondi per la continuità territoriale, sarebbe pronta a una riduzione degli approdi. In gioco, il pane per numerose famiglie che da anni non riescono a trovare tranquillità. 

Da quando sono stati licenziati dalla Caronte & Tourist e dalla New TTT Lines, in seguito alla dismissione della tratta Catania-Napoli, per loro non è stato trovato un porto sicuro. Per tale ragione hanno deciso di fare sentire la loro voce davanti la sede dell'Autorità portuale di Catania. Insieme ai lavoratori, la Cisl, che chiede la costituzione di un bacino da cui possano attingere tutte le aziende che operano nei due porti della Sicilia orientale. 

«Siamo qui a protestare - dichiara Marcello Fassari della Cisl - per chiedere il ripristino dell'articolo 17 cioè quello che garantisce alle aziende che operano all'interno di questa struttura di potere utilizzare operatori portuali da un contenitore prefissato. Soprattutto in questo momento di crisi dove la nostra attività, per vari motivi finanziari, e probabilmente anche commerciali, ha dovuto sospendere alcuni servizi». 

I dati importanti che riguardano Catania e Palermo si equivalgono «ma con il coinvolgimento di 120 operatori nel primo caso e di 340 nel secondo. C'è qualcosa che non va», continua Fassari. E a sottolineare la discrepanza è anche Mauro Torrisi, segretario generale Fit Cisl Catania. «Da quando la Tirrenia ha sospeso i collegamenti da e per Catania - spiega - i dipendenti sono rimasti senza lavoro. Questo significa grosse difficoltà per le famiglie. Ringraziamo l'Autorità portuale per l'interesse dimostrato per la creazione di un bacino ma questo non basta. Nel 2019 al porto di Catania sono state effettuate, rispetto a Palermo, 80mila movimenti in più e nel 2020 sono stati 60mila in più. Ma il numero di addetti nel Catanese è notevolmente inferiore».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×