Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tiritì, l'Ars dice sì a un sito alternativo
Crocetta al bivio: pugno duro o tempi lunghi

Il governo regionale si impegna «a provvedere all'individuazione di un sito alternativo, adeguatamente distante dai centri abitati, che tenga conto dell'effettivo fabbisogno del nuovo ambito territoriale ottimale». Con questa mozione i comitati di Motta e Misterbianco ottengono un'importante vittoria politica nella loro lunga battaglia contro l'ampliamento della discarica della Oikos. Ma i tempi per una eventuale e sospirata chiusura dell'impianto sono lunghi e pieni di incognite

Carmen Valisano

Ieri pomeriggio i cittadini di Motta Sant'Anastasia e Misterbianco, uniti in un comitato contro l'ampliamento della discarica dell'Oikos spa, hanno ottenuto a Palermo un'importante vittoria sul fronte politico della loro lotta. La vicenda si è consumata in pochi minuti nel corso della seduta dell'Assemblea regionale siciliana, davanti ad una ventina di rappresentanti del comitato. Prima la paura di un rinvio di qualche mese e il timore di vedere tanti sforzi sfumare. Poi la mozione che ha per primo firmatario Anthony Barbagallo (Partito democratico) e appoggiata anche dai deputati del Movimento 5 stelle è stata data per letta e votata immediatamente, tra lo stupore generale di quanti per lunghi secondi si sono chiesti cosa fosse accaduto. Con questo atto, il governo di Rosario Crocetta, dunque, si impegna «a provvedere all'individuazione di un sito alternativo, adeguatamente distante dai centri abitati, che tenga conto dell'effettivo fabbisogno del nuovo ambito territoriale ottimale». Quello che chiedono da tempo - attraverso ricorsi e manifestazioni - gli abitanti.

Adesso la palla torna al governatore e al suo esecutivo e davanti a loro si aprono due strade. Agire risolutamente per bloccare l'abbancamento iniziato da pochi giorni, oppure attendere le valutazioni (soprattutto economiche, visto un possibile danno erariale) del funzionario delegato che ha rilasciato l'autorizzazione. Il collaudo delle nuove vasche da due milioni e mezzo di metri cubi, infatti, è avvenuto pochi giorni prima del voto della mozione che avrebbe bloccato a monte le operazioni; fino ad un pronunciamento contrario in autotutela, i rifiuti degli 88 Comuni che fanno riferimento alla discarica nel territorio mottese continueranno a essere conferiti senza problemi. Il funzionario potrebbe anche riconoscere l'insorgere di nuove condizioni che potrebbero portarlo alla revoca del suo stesso atto (su tutte la normativa che stabilisce una distanza minima di cinque chilometri dai centri abitati), ma potrebbero prevalere anche altre ragioni.

Troppe incognite, con il timore di un allungamento dei tempi e la ripresa del continuo via vai di camion provenienti dalla Sicilia centro-orientale. I comitati non attenderanno l'evolversi della situazione, già annunciata una comunicazione ufficiale di sollecito a Crocetta e nuove iniziative di sensibilizzazione della cittadinanza.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×