Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Playa, spiagge libere ridotte a discariche
Il Comune: «Oltre dieci tonnellate di rifiuti»

Escrementi, preservativi usati, bottiglie rotte, grosse boe e panchine a mo' di letti. Gli stabilimenti balneari comunali di viale Kennedy, due mesi dopo l'inizio della stagione fissato dalla Regione Sicilia, sono completamente inservibili. I sanitari sono stati portati via o distrutti, e le porte divelte. Ma l'appalto per la gestione degli impianti è stato affidato pochi giorni fa e intanto, a ripulire, ci sono solo gli operai della nettezza urbana. Guarda le foto

Luisa Santangelo

«La bonifica è iniziata il 29 maggio e continuerà fino alla seconda settimana di giugno». E finché non sarà finita, i cittadini che vorranno passare del tempo in una delle tre spiagge libere di Catania sono avvisati: «Ci sono rifiuti di ogni tipo, perfino vecchi mobili, prevediamo di raccoglierne una decina di tonnellate», afferma Carmencita Santagati, assessore a Ecologia e ambiente del Comune etneo.

[caption id="attachment_85093" align="alignleft" width="225"] L'ingresso della spiaggia libera n°3[/caption]

Ma i rifiuti non sono l'unico problema: alla spiaggia libera numero uno i sanitari dei bagni sono distrutti, una parete annerita denuncia un principio d'incendio, e le mattonelle sono state staccate dal muro e portate via. Un buco nel muro fa passare la luce, i vetri alle finestre sono spaccati e non è rimasto un lavandino. E poi escrementi umani, bottiglie rotte, preservativi usati, abiti abbandonati, insetti. L'aria, irrespirabile, puzza di urina. In una delle stanze dell'edificio principale, quello in cui, a stagione avviata, di solito c'è la postazione della polizia municipale, è stato sistemato un materasso, in mezzo alla sporcizia. Le ante dell'ingresso sono divelte, mancano anche gli infissi. Alla spiaggia libera numero due le toilette in sé sono quasi integre: gabinetti e lavandini sono lì, i rubinetti no. E neanche le porte. Sono rimasti gli avvisi attaccati dal Comune: «Attenzione: balneazione non sicura per mancanza del servizio di salvataggio». E la spazzatura. La spazzatura è ovunque.

La spazzatura è anche quello che ti accoglie alla spiaggia libera numero tre. All'entrata, dopo la sedia lasciata là da un posteggiatore, i sacchetti sono uno sopra l'altro, come se quella fosse una discarica. A cielo aperto, col mare davanti. La sabbia è piena di lattine di Heineken e cocci di Moretti, vicino alla battigia c'è anche una grossa boa di metallo. Alta più di un metro, pesante, gialla, incrostata di telline, ancora attaccata a una catena. Poi c'è una panchina, con sopra un piumone, qualche coperta e una bottiglia di plastica. Dentro ai camerini, piatti e bicchieri usa e getta, resti di pic-nic al mare. I vetri alle finestre sono tutti spaccati.

[caption id="attachment_85097" align="alignright" width="225"] Quello che resta dei bagni[/caption]

Secondo un decreto emanato dalla Regione Sicilia il 7 marzo 2013, la stagione balneare isolana per quest'anno è iniziata l'1 aprile e terminerà il 31 ottobre. Entro l'ultimo giorno di marzo era necessario, secondo l'ordinanza, attuare «tutti i provvedimenti volti a eliminare le cause di inquinamento delle zone di costa e di mare vietate e temporaneamente vietate alla balneazione». Ma il bando di gara per la gestione, dal 2013 al 2015, delle spiagge libere comunali di viale Kennedy è stato pubblicato solo il 14 aprile. E prevede anche l'assegnazione dei punti di ristoro e dei parcheggi. «Il valore presunto dell'appalto – si legge nel relativo capitolato – è stato calcolato in 55mila euro annui, per un totale di 165mila euro». «Il bando è scaduto due settimane fa e credo che la gara sia stata assegnata», precisa l'assessore Santagati. «Comunque, non è di mia competenza – puntualizza – Io mi occupo solo di arenile e litorale». Il resto spetta a Santi Rando, assessore a Decoro urbano e mare.

In attesa che intervenga la ditta che s'è aggiudicata le strutture comunali per il prossimo triennio, la pulizia delle spiagge «proseguirà a opera degli operatori della nettezza urbana del Comune di Catania». E non della Multiservizi, cosa che era accaduta lo scorso anno. Quando, a seguito delle intimidazioni ricevute e del tentato omicidio ai danni del titolare, l'azienda vincitrice dell'appalto aveva rinunciato. L'amministrazione era stata costretta, di conseguenza, a farsi carico di tutt'e tre le aree del litorale destinate liberamente ai catanesi.

Guarda tutte le foto nella gallery su Flickr.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews