Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sotto la cenere, reportage da Giarre dopo l'eruzione
«In mezz'ora la stessa quantità di rifiuti di un anno»

L'amministrazione locale si è affidata a nove ditte private per ripulire il territorio ma la quantità di materiale da togliere è imponente. La stima ammonta a 12mila tonnellate. Il viaggio di MeridioNews nella cittadina pedemontana. Guarda il video

La migliore misura anti-Covid-19, nel Catanese, l’ha fornita a sorpresa l’Etna. A Giarre infatti, è impossibile camminare senza mascherina e non guasterebbero nemmeno gli occhiali di protezione. Colpa della cenere vulcanica, che domenica 7 marzo ha ricoperto diversi centri etnei, costringendo amministrazioni e cittadini a correre ai ripari. A partire dalla pulizia urgente dei tetti e delle strade per evitare problemi peggiori. Le avvisaglie erano arrivate nei giorni precedenti con dieci eruzioni in quindici giorni. 

A Giarre si stimano circa 12mila tonnellate di cenere vulcanica da raccogliere e smaltire. Per un totale di più di 2000 viaggi da effettuare con i camion delle nove ditte private finora coinvolte attraverso affidamento in somma urgenza. Tra le strade della cittadina si lavora con spazzatrici meccaniche e soffiatori. Sui marciapiedi è un susseguirsi di sacchi di plastica pieni di cenere

Eppure i problemi sono si fermano a strade e tetti: a cadere dal cielo sono stati infatti anche lapilli, abbastanza grandi da provocare danni e che, triturati dal peso delle auto, diventano polvere che rende l’aria pesante. Il presidente della Regione Nello Musumeci ha già dichiarato lo stato di crisi e annunciato la richiesta dello stato d’emergenza. Ma ancora una volta la burocrazia si dimostra troppo lenta rispetto alla natura e anche disordinata, senza un approccio coordinato come richiesto invece dai 16 sindaci coinvolti nell’emergenza.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×