Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Giarre, due condanne per estorsione mafiosa a imprenditore
«È stato coraggioso a denunciare in un contesto di omertà»

Sei anni e dieci mesi per il 28enne Tiziano Russo e un mese in meno per il 54enne Francesco Messina. Sono accusati di avere agito per conto del clan Laudani. Nel 2019 Roberto Bonaccorsi, ritenuto vicino ai Santapaola-Ercolano, era già stato condannato 

Marta Silvestre

«Siamo soddisfatti per una sentenza equilibrata che rende giustizia a un imprenditore coraggioso». Lui è Tonino Torrisi e a parlare è l'avvocato Gianfranco Li Destri. Dopo la condanna con il rito abbreviato a cinque anni per Roberto Bonaccorsi, uomo considerato anche vicino al clan Santapaola-Ercolano, adesso sono stati condannati per estorsione aggravata dal metodo mafioso anche il 28enne Tiziano Russo il 54enne Francesco Messina. Sei anni e dieci mesi di reclusione il primo, un mese in meno il secondo. Entrambi, inoltre, sono anche stati condannati al risarcimento dei danni in favore delle parti civili: la vittima Tonino Torrisiil Comune di Giarre e l'Asaec, l'associazione antiestorsione di Catania Libero Grassi. 

«Un importante successo giudiziario che premia soprattutto chi ha deciso di sporgere denuncia - commenta a MeridioNews il presidente di Asaec Nicola Grassi - Una conferma del fatto che denunciare conviene sempre sia dal punto di via sociale che economico». L'associazione antiestorsione, che ha deciso di donare il ricavato del risarcimento in favore di minori svantaggiati, ha accompagnato la vittima durante tutto l'iter del processo. «È stato un uomo coraggioso - afferma il legale che lo assiste - perché in un contesto di radicata omertà, ha scelto di denunciare le gravi violenze e le pesanti intimidazioni che ha subito». È l'ottobre del 2018 quando l'imprenditore giarrese è vittima di un pestaggio: Russo è accusato di essere l'esecutore materiale, Messina di avere spalleggiato il più giovane. Il 28enne si trova ai domiciliari quando convoca, tramite un messaggio inviato nella chat di Facebook dopo avergli richiesto l'amicizia, Torrisi a casa con la scusa di chiedergli un favore

Arrivato sotto i palazzoni del quartiere Il ghiaccio, vicino alle case popolari di via Trieste, la vittima si trova davanti sia Russo che il 54enne che lo accolgono con pugni e schiaffi. «Da ora in poi mi devi portare mille euro al mese, 50mila euro di arretrati e il due per cento delle costruzioni che stai facendo». Questa la richiesta estorsiva per Torrisi da parte dei due che, secondo la procura, hanno agito in quanto appartenenti al clan Laudani. Durante il dibattimento, Messina ha sostenuto di trovarsi lì per caso, mentre Russo si è sempre difeso sostenendo che il pestaggio fosse riconducibile a questioni personali: in particolare, ha fatto riferimento a un messaggio che Torrisi ha mandato di notte a sua moglie su Messenger. Due battute sulla difficoltà a prendere sonno scambiate oltre un mese prima. 

Qualche giorno dopo, è Roberto Bonaccorsi a contattare al telefono l'imprenditore, che conosce, per proporsi come mediatore. Dalla proposta alla minaccia il passo è breve. «In tutti questi anni ti sei fatto i cazzi tuoi, non hai portato soldi a nessuno e quindi ora si cambia». Per convincere Torrisi a pagare, Bonaccorsi gli prospetta anche cosa sarebbe accaduto se si fosse rifiutato: lo avrebbero «ammazzato di botte ogni giorno». Torrisi, che oltre a essere costruttore è anche titolare di esercizi commerciali, consegna una prima rata del pizzo da duemila euro, ma è già sotto protezione dei carabinieri. I militari, a cui l'uomo si era rivolto per sporgere denuncia, da lì a poco arrestano i tre imputati. Prendendosi tutta la responsabilità della vicenda - che per l'avvocato che lo difende sarebbe stata non un'estorsione ma, tutt'al più, una truffa - durante le dichiarazioni spontanee rilasciate nell'udienza dell'ottobre del 2019, Bonaccorsi ha chiesto «scusa a Tonino Torrisi nell'amicizia che avevamo». Un presunto ravvedimento funzionale per chiedere una sorta di bonaria compensazione (duemila euro per i danni subiti in cambio della costituzione di parte civile) subito respinta dal legale della vittima. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×