Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Vaccini, perché la Pfizer non può produrli a Catania
Cisl: «Mancano strumenti, si fanno farmaci obsoleti»

L'idea è circolata di recente. Ma a detta del segretario generale di Femca, Giuseppe Coco, si è trattato più di una provocazione. «Servirebbe ampliare il portafoglio dei prodotti, sennò in futuro si rischieranno posti di lavoro», spiega a MeridioNews

Simone Olivelli

Foto di: Samuel Regan-Asante

Foto di: Samuel Regan-Asante

Una provocazione. Che ha un senso se incardinata all'interno delle dinamiche per difendere i posti di lavoro, ma che rischia di ridursi a poco più di una boutade se la si immette nel flusso costante di informazioni circolanti attorno all'argomento che, da oltre un anno, monopolizza l'attenzione del mondo: il Covid-19. L'ipotesi che la Sicilia possa dare il proprio contributo nella produzione dei vaccini è al momento molto remota. Perlomeno se l'idea è quella, da qualcuno proposta quantomeno come quesito, di sfruttare lo stabilimento Pfizer di Catania, uno dei due presenti in Italia. 

L'azienda produttrice di uno dei due vaccini a Mrna attualmente in uso - l'altro è quello realizzato da Moderna - non è intenzionata a investire in Italia e i motivi sono tanti. «Lo stabilimento catanese - spiega a MeridioNews Giuseppe Coco, segretario generale di Femca Cisl - non è attrezzato per la produzione di vaccini. Si tratta di prodotti che richiedono una serie di strumenti che non sono presenti a Catania, dove si lavorano invece alcuni prodotti antibiotici». In tal senso attrezzare la sede etnea richiederebbe non poco tempo. «Credo che almeno due anni prima dell'uscita del primo prodotto finito passerebbero», aggiunge Coco. Per chi si chiedesse, allora, perché anche dal mondo sindacale di recente sia stata avanzata la proposta di sfruttare lo stabilimento siciliano, la risposta è semplice: «La nostra è stata una provocazione che poggia sulla consapevolezza che l'impianto a Catania continua a essere sfruttato per la produzione di alcuni farmaci antibiotici che potremmo definire obsoleti, in quanto - spiega il sindacalista - sul mercato ci sono prodotti simili a prezzi più convenienti». Il timore, da questo punto di vista, è che in futuro, a fronte di una minore richiesta del mercato, possano esserci riflessi sui livelli occupazionali. «Si tratta di farmaci che perlopiù vengono esportati negli Stati Uniti e in Asia, ma le possibilità che la domanda si contragga c'è», ammette il segretario di Femca Cisl.

Attualmente a Catania sono impiegati circa 850 lavoratori. Di questi, più di 600 hanno un contratto a tempo indeterminato, mentre la restante parte lavora con contratti a somministrazione. Ovvero, a fare da intermediario tra azienda e lavoratore è un'agenzia interinale. «Da un punto di vista dell'impiego, lavorano e guadagnano come gli altri - spiega Coco -. Anzi alla Pfizer costano di più, ma questo tipo di contratto consente al datore di lavoro di dismettere il rapporto non appena non si ritiene più necessario il contributo del lavoratore. Quindi a quest'ultimo offre decisamente meno garanzie. Anche per questo noi speriamo che la Pfizer si decida ad ampliare il proprio portafogli in Sicilia, lavorando da noi anche a prodotti più innovativi». La multinazionale, peraltro, ha già fatto sapere che non ha in programma di ampliare i punti di produzione attualmente attivi. «Ritiene che lo stabilimento in Belgio sia sufficiente, anche nella consapevolezza che presto arriveranno sul mercato altri vaccini», va avanti Coco.

Nelle scorse settimane, a parlare della possibilità di produrre vaccini anti-Covid in Sicilia sono stati anche i vertici del governo regionale. Dal presidente Nello Musumeci all'assessore alle Attività produttive Mimmo Turano. Il primo ha annunciato di voler comunicare la disponibilità al governo nazionale, il secondo ha fatto riferimento alla possibilità di sfruttare un bioreattore presente in una struttura universitaria palermitana e non ancora attivato. Più di una perplessità da parte dell'opposizione, con il deputato Nello Dipasquale che ha parlato di bluff. «Non credo sia un ragionamento che non possa essere fatto - commenta il segretario di Femca Cisl - specialmente nell'ipotesi che nel prossimo futuro potremmo nuovamente avere bisogno di vaccini anti-Covid, qualora si capisse che bisognerebbe effettuare periodici richiami. In questo senso, cercare di realizzare in Sicilia un centro di produzione che possa diventare di riferimento per l'area del Mediterraneo sarebbe un investimento, ma è un discorso che non ha nulla a che vedere - conclude Coco - con l'idea di riconvertire aziende esistenti ed essere immediatamente pronti a produrre dosi».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×