Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Clan Cappello, scatta sequestro per i beni dei Culletta
Imparentati con Mario Strano. Sigilli anche a polleria

Nel mirino della divisione anticrimine della polizia i beni di Salvatore e Giuseppe Culletta, padre e figlio di 55 e 35 anni. Entrambi sono finiti nei guai nel blitz Camaleonte di giugno 2020. L'indagine gli investimenti dal 2015 al 2019

Dario De Luca

Un sequestro di beni finalizzato alla confisca per un valore di 500mila euro. Nel mirino un'impresa, tre immobili, tra cui un terreno, una macchina e diversi rapporti finanziari. Tutti riconducibili, secondo quanto verificato da MeridioNews, a Salvatore e Giuseppe Culletta, padre e figlio di 55 e 35 anni. Entrambi pregiudicati e attualmente detenuti perché ritenuti affiliati al clan mafioso dei Cappello-Bonaccorsi e nello specifico nel gruppo del rione periferico Monte Po, ritenuto sotto l'egemonia del cognato Mario Strano, conosciuto nell'ambiente criminale con l'appellativo di acchiana e scinni per il suo passato da rapinatore in trasferta. Il provvedimento di sequestro arriva dopo la decisione della sezione misure di prevenzione del tribunale di Catania ed è stato eseguito dalla polizia divisione anticrimine. 

I nomi dei Culletta sono finiti al centro dell'indagine antimafia Camaleonte di giugno 2020Blitz che ha riguardato tutta la famiglia Strano. Perché oltre al presunto boss Mario sono finiti nei guai la moglie Anna, la figlia Concetta e il compagno di quest'ultima Luigi Scuderi. Poi c'è la cognata Pina Russo, il figlio Giuseppe Culletta oltre al padre di quest'ultimo: Salvatore Culletta da tutti conosciuto come Turi dei polli per la gestione di una gastronomia in via Duca degli Abruzzi, nel quartiere Picanello.

Nel corso delle indagini patrimoniali, sono stati analizzati gli investimenti effettuati dai Culletta negli anni dal 2015 al 2019, periodo in cui «si è manifestata la loro pericolosità sociale e sono stati individuati contestualmente, in un quadro di evidente sperequazione, i beni acquistati e riconducibili ai predetti», scrive in una nota stampa la questura.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×