Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Adrano, passa la sfiducia al sindaco D'Agate
L'ex primo cittadino: «Me l'hanno fatta pagare»

Il provvedimento è stato approvato con 18 voti favorevoli, 5 contrari e un astenuto. Il Comune andrà quindi prima sotto la guida di un commissario, poi a elezioni anticipate. D'Agate era stato eletto nel 2018 e non godeva della maggioranza in Consiglio

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

È durata solo 33 mesi l’esperienza amministrativa del sindaco di Adrano Angelo D’Agate. Una mozione di sfiducia, votata favorevolmente da 18 consiglieri ha messo la parola fine a una sindacatura, definita dai consiglieri proponenti e votanti come fallimentare. Una mozione che fa decadere anche il consiglio comunale stesso

Ad Adrano si andrà dunque alle elezioni anticipate. È stato un consiglio comunale lunghissimo, quello di ieri, iniziato alle 10.30 del mattino e concluso poco prima delle 17. Nei giorni scorsi si erano dimessi in blocco tutti gli assessori della giunta D’Agate, un ultimo disperato tentativo del primo cittadino di aprire un dialogo con tutte le forze politiche con l’obiettivo di ripartire, dando slancio all’azione amministrativa. Tutto ciò non ci sarà. Anche ieri il sindaco Angelo D’Agate ha tentato di giocarsi l’ultima carta, proprio prima della votazione in aula: il primo cittadino aveva chiesto una sospensione di un quarto d’ora per cercare di ricucire lo strappo col consiglio comunale. 

La mozione di sfiducia era stata presentata da 15 consiglieri comunali: Carmelo Pellegriti, Aldo Di Primo, Agatino Perni, Paolo Politi, Federico Floresta, Maria Grazia Ingrassia, Angela Branchina, Salvatore Coco, Carmelo Santangelo, Samuele Avellino, Giuseppe Rapisarda, Angela Chiara, Gloria Stancampiano, Irene Cinardi, Aurelio Verzì. La votazione finale è stata di 18 consiglieri comunali favorevoli, 5 contrari e un astenuto. Ai 15 proponenti la sfiducia si sono aggiunti Massimo Zignale, Luigi Cancelliere e Agatino Scardina. Astenuto il consigliere Orazio Toscano. 

La città adesso sarà guidata da un commissario. Una sindacatura «fallimentare - avevano scritto i proponenti - non in grado di risolvere gran parte dei problemi atavici di Adrano quali: viabilità, traffico, verde pubblico, manutenzione stradale, pulizia della città, riorganizzazione del personale comunale, tutti interventi che non richiedevano, tra l’altro, particolari risorse economiche e finanziarie, ma solo una migliore e più dinamica organizzazione generale dei servizi pubblici locali - si legge nella mozione- Nessuno di questi aspetti è stato mai adeguatamente affrontato né tanto meno risolto, sia nell’immediatezza e nemmeno a distanza di oltre due anni e mezzo dall’insediamento del sindaco, dimostrando un totale fallimento amministrativo che sta, di fatto, compromettendo irreparabilmente la tenuta sociale dell’intera comunità adranita».

 Il sindaco Angelo D’Agate è sembrato a fine quasi sollevato dall’esito della mozione, escludendo, per il momento. l’eventuale ricorso alle aule del tribunale: «C’è tempo. Valuterò a mente fredda sul da farsi - dice a Meridionews - Avevo in consiglio solo cinque consiglieri, tutto il resto dell’assise era contro di me. In un certo senso me l’hanno fatta pagare. Non ho nulla da rimproverarmi e sono sereno. Ma va bene cos». Un pensiero dell’ormai ex sindaco è rivolto a coloro che l’hanno votato: «Sono rammaricato». E alla domanda se intende ricandidarsi D’Agate ha specificato che «non sono un politico di professione, sono una persona libera e non appartengo a nessun partito. Non lo so se mi ricandiderò, quando si avvicineranno le elezioni ne riparleremo».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×