Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Nuovo campo scuola, proseguono lavori per la pista d'atletica
«Rimosso il vecchio tappeto. A luglio forse si potrà correre»

La struttura di via Grasso Finocchiaro è interessata da un cantiere della Global Technology System. Un rinnovamento a partire dall'anello di 400 metri. Poi sarà la volta dell'omologazione. «Martedì in visita un tecnico», dice il presidente della Fidal Catania.

Dario De Luca

Era un malato terminale ma a luglio prossimo potrebbe riscoprirsi incredibilmente guarito e pure ringiovanito. Lo storico campo scuola di via Grasso Finocchiaro, nel quartiere Picanello, in queste settimane è alle prese con un massiccio rinnovamento che fino a poco tempo fa poteva essere paragonabile a un miracolo. Dopo decenni di incuria e abbandono quello che è stato un piccolo tempio dell'atletica leggera, costruito negli anni '60, tornerà a brillare. I lavori, finanziati grazie ai fondi comunitari, sono al centro di un progetto portato avanti dal Comune di Catania, ente proprietario dell'impianto. La parte principale del cantiere riguarderà la nuova pista. Il vecchio tappeto a sei corsie - con l'anello che misura 400 metri - era degradato e indurito e ormai quasi del tutto inutilizzabile dagli atleti. 

Martedì scorso - 30 marzo - la struttura ha ricevuto la visita del tecnico collaudatore della Federazione italiana di atletica leggera Francesco Mondo. Il lavoro tra impresa, federazione e Comune sarà fondamentale per tutta una serie di verifiche che culmineranno con l'omologazione. Unico modo, quest'ultimo, affinché la struttura possa essere utilizzata durante manifestazioni ufficiali. «La vecchia pista è stata rimossa del tutto e la settimana prossima si lavorerà per il fondo nuovo e per realizzare il tappetino in agglomerato come base per la pista nuova», spiega a MeridioNews Giuseppe Sciuto, recentemente rieletto alla guida della sezione provinciale di Catania della Fidal. 

All'ultimo sopralluogo, oltre a Sciuto e Mondo, hanno partecipato i funzionari della direzione lavori del Comune etneo e la Global Technology System, società di Misterbianco che si sta occupando del cantiere. In passato la pista era già stata interessata da un intervento di retopping, ossia un intervento ricostruttivo della superficie sintetica della pista di atletica che prevede l’integrazione di nuovo materiale. «Terminata la posa del tappetino - continua Sciuto - il tecnico collaudatore tornerà a Picanello per verificare le pendenze così da potere dare il via libera al montaggio della pista». A quel punto verranno fatte ulteriori verifiche. Nell'ambito del progetto è «previsto l'acquisto anche di tutta l'attrezzatura, come pesi, ostacoli e altro». Indispensabili per chiedere, alla fine di tutta la trafila, la visita di collaudo

Ma quando si potrà tornare a correre all'interno del campo scuola? È la domanda che tutti si fanno, anche considerando che la struttura prima del via accoglieva ogni giorno decine e decine di persone. «Siamo ottimisti - aggiunge Sciuto - e quindi che potremmo farcela a partire da luglio». Secondo il capitolato d'appalto, oltre al tappeto, sono previsti dei lavori relativi all'impianto di illuminazione, basato su luci led distribuiti su sei torri. Ancora da capire, invece il futuro della vecchia tribuna, a quanto pare in parte smantellata ma non ancora abbattuta, e degli spogliatoi. Quest'ultimi sono stati rinnovati nel 2014 anche grazie al contributo fondamentale di un imprenditore privato e appassionato di corsa. Lo spazio però avrebbe già bisogno di alcune migliorie.  

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×