Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Nasce il poliambulatorio di assistenza sanitaria popolare
Promotori: «Prestazioni gratuite per le fasce più deboli»

Un gruppo di giovani medici e studenti ha deciso così di dare un nuovo volto ai locali dismessi di via Gallo 3. Il servizio sarà rivolto a quanti spesso non riescono a rivolgersi alle strutture pubbliche. «Pensiamo soprattutto agli anziani», spiega Enrico Eberle

Carmelo Lombardo

Si chiama 0 e nasce dalla collaborazione dei volontari con l'obiettivo di offrire un consulto medico gratuito. È il Poliambulatorio di assistenza sanitaria gratuita e popolare. L'iniziativa, che partirà giorno 24 aprile nei locali di via Gallo 3, vede impegnati giovani medici e studenti che hanno deciso di mettere le loro competenze a disposizione dei soggetti in difficoltà. Nessuna associazione o sigla dietro il poliambulatorio, ma soltanto la buona volontà di chi si vuole spendere a favore delle fasce sociali più deboli

A parlare del poliambulatorio a MeridioNews è Enrico Eberle, uno dei promotori. «Con la pandemia abbiamo notato che a Catania c'è sempre più bisogno di centri di cura territoriale - spiega Eberle - Tra aziende ospedaliere in periferia e alcuni locali dismessi, le fasce sociali più svantaggiate, penso agli anziani, fanno difficoltà a raggiungere i presidi medici. A questo si aggiunge anche la difficoltà economica, che in questi periodi si fa sempre più sentire».

Al momento il poliambulatorio conta le adesioni di dieci persone. Il plesso comprenderà un reparto di Medicina generale e potrà contare di alcune consulenze specialistiche. «Cercheremo di partire con la Cardiologia - continua Eberle - Contiamo di coinvolgere sempre più volontari così da poter offrire sempre più servizi e consulenze. Abbiamo già diversi contatti con altri medici che vogliono aderire». Il nome dell'ambulatorio non è singolare. «Abbiamo scelto l'acronimo Asp per assistenza sanitaria gratuita e popolare, in contrapposizione al significato che ha generalmente per l'acronimo - osserva Eberle - Vogliamo dimostrare il netto contrasto con l'azienda sanitaria provinciale, che oggi ha assunto alcuni tratti aziendalistici. Siamo aperti a chiunque ci voglia dare una mano».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×