Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Agguato Monte Po, il ferito è ritenuto vicino al clan Cappello
Nel 2015 frequentava autorimessa controllata dal boss Salvo

Biagio Di Grazia si trova ricoverato in Rianimazione all'ospedale Garibaldi Nesima, dopo essere stato operato in nottata. La polizia, intanto, indaga tra gli ambienti frequentati dall'uomo che, dopo una vicinanza ai Santapaola, si sarebbe accostato a un altro clan

Simone Olivelli

Si trova ricoverato nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Garibaldi Nesima di Catania l'uomo ferito nell'agguato di ieri sera a Monte Po. Biagio Di Grazia si trovava davanti alla porta della propria abitazione, in via Gaetano Di Giovanni, quando il killer ha fatto fuoco. Un proiettile ha raggiunto al collo il 52enne, le cui condizioni sono apparse subito gravi. Trasportato al pronto soccorso dell'ospedale Garibaldi Centro, è stato sottoposto a un intervento chirurgico nella notte, per poi essere trasferito nel nosocomio che dista poche centinaia di metri dal luogo in cui è avvenuto il tentato omicidio. La prognosi resta riservata, ma, stando a fonti sanitarie, i medici sarebbero ottimisti sulle possibilità di salvare la vita all'uomo.

Proseguono, intanto, le indagini della polizia. Dopo avere sentito i familiari della vittima, l'attenzione degli inquirenti si è spostata sul passato e gli ambienti frequentati dall'uomo. Di Grazia ha precedenti per reati contro il patrimonio. Condannato per rapina, l'uomo è stato destinatario anche della sorveglianza speciale a cui, in almeno un caso, il 52enne si sarebbe sottratto senza autorizzazione.

Secondo quanto appreso da MeridioNews, Di Grazia orbiterebbe negli ambienti della criminalità organizzata. Gli investigatori, in passato, lo hanno considerato vicino alla famiglia Santapaola, mentre più di recente l'uomo si sarebbe accostato al clan Cappello-Carateddi. Un riferimento al 52enne ferito lo si ritrova nelle carte dell'indagine Gorgoni della Direzione investigativa antimafia che, a novembre del 2017, portò in carcere diversi esponenti dei clan Cappello e Laudani, oltre che l'imprenditore del settore dei rifiuti Vincenzo Guglielmino e alcuni funzionari pubblici. Al centro dell'inchiesta della Dda etnea i tentativi delle cosche mafiose per mettere le mani negli appalti per la raccolta della spazzatura nei centri di Aci Catena, Trecastagni e Misterbianco. 

A fare da base logistica del clan Cappello sarebbe stata un'autorimessa di viale Mario Rapisardi. Qui sarebbero avvenuti diversi incontri tra Guglielmino e gli uomini del boss Massimiliano Salvo. Lo stesso capo del clan avrebbe usato i locali per dare direttive su quali azioni intraprendere per costringere il sindaco di Aci Catena Ascenzio Maesano a fare in modo di affidare il servizio di raccolta alla Ef Servizi Ecologici, mettendo da parte la Senesi. All'epoca le due imprese erano al centro di una querelle giudiziaria in merito all'aggiudicazione della gara settennale. Ed è proprio nel corso degli appostamenti all'esterno dell'autorimessa che la Dia si imbatte in Biagio Di Grazia. L'uomo è immortalato dall'obiettivo degli investigatori la mattina del 29 ottobre 2015. «Uomo corpulente prende l'auto guidata da una signora e la posteggia all'interno dell'autorimessa», è l'annotazione inserita in un brogliaccio allegato agli atti delle indagini. La Direzione investigativa antimafia individua in quella figura Biagio Di Grazia. Accanto alle generalità, l'annotazione: «Numerosi precedenti».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×