Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La Sicilia evita il rosso ma aumentano i Comuni blindati
Musumeci firma la nuova ordinanza per quattro territori

Dal 18 aprile saranno nella fascia di rischio più elevata Aci Catena ed Adrano, in provincia di Catania, e Mistretta e Giardini Naxos in provincia di Messina. Oggi il primo giorno per la vaccinazione con AstraZeneca allargata ai non prenotati nella fascia over 60

Redazione

Altre quattro zone rosse in Sicilia. Lo stabilisce l'ultima ordinanza firmata dal presidente della Regione Nello Musumeci, a causa dell’aumento dei contagi da Covid-19. Si tratta dei Comuni di Aci Catena e Adrano, in provincia di Catania; Giardini Naxos e Mistretta, in provincia di Messina. Il provvedimento, richiesto dai rispettivi sindaci e a seguito delle relazioni delle autorità sanitarie, entrerà in vigore domenica 18 aprile,  e cesserà la sua efficacia mercoledì 28 aprile.

Il provvedimento del presidente Musumeci arriva nel giorno in cui la Sicilia ha evitato però l'ingresso, come Regione, in zona rossa. Anche per la prossima settimana l'Isola rimarrà quindi nella fascia di rischio arancione. Questo nonostante il quotidiano aumento dei contagi e un indice di trasmissibilità del virus superiore al livello di guardia. Una buona notizia arriva invece dall'iniziativa lanciata dalla Regione, che ha aperto oggi 66 tra hub e centri vaccinali dell'isola per l'open day di AstraZeneca (QUI LE INFORMAZIONI), la somministrazione della prima dose per il target 60-79 anni anche per chi non era prenotato. Un modo per accelerare sulla campagna vaccinale, ma anche per superare le resistenze legate al vaccino anglo-svedese.

Altissima l'affluenza, nelle numerose strutture sparse nelle nove province: alle 17.30 erano già 7.713 - più del triplo di ieri - i vaccinati in tutta l'isola, dei quali 1.180 solo nell'hub della Fiera del Mediterraneo di Palermo dove fin dal mattino la gente si è messa ordinatamente in coda.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×