Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Nel Catanese si lavora per ricompattare la sinistra intorno a SI
Montalto: «È il momento per dare risposte concrete al Paese»

Chi proviene dalla militanza in Rifondazione comunista, chi attualmente siede nei Consigli comunali, ma anche chi arriva dal mondo sindacale o dall'associazionismo. Sono diverse le estrazioni culturali e politiche che hanno deciso di aderire a Sinistra Italiana

Simone Olivelli

«In un momento storico unico come quello che stiamo vivendo, una sinistra che non si pone il problema di governare nei territori e di fermare queste destre non è una sinistra in grado di dare risposte reali al Paese». A Catania parte da qui il nuovo tentativo di ricompattare il mondo politico della sinistra, con dei punti fermi: sindacati, scuola, terzo settore. Mondi da cui provengono, insieme a vari consiglieri comunali della provincia, i firmatari del documento con cui è stata annunciata l'adesione a Sinistra Italiana, il partito che ha nel deputato nazionale Nicola Fratoianni l'attuale segretario. 

«Erano tanti mesi che con tanti compagni cercavamo di capire come tornare in campo - spiega a MeridoNews Pierpaolo Montalto, avvocato catanese con un passato da segretario provinciale con Rifondazione comunista - Ci mancava una casa comune e un fatto politico per intravedere in un partito un luogo dove tornare ad aggregarci. Il momento si è presentato quando Sinistra italiana ha deciso di collocarsi all'opposizione del governo Draghi. Ci siamo confrontati con Fratoianni e abbiamo capito che era giunto il momento di fare un passo in avanti». 

Ad annunciare l'adesione a SI sono anime diverse dalla sinistra: c'è chi arriva dall'area sindacale, chi ha fatto e fa politica all'interno delle istituzioni locali, ma anche chi ha esperienze di militanza sociale a fianco dei soggetti più fragili, dalle lotte contro il caporalato alle battaglie sociali nei quartieri popolari: «A iniziare questa esperienza non è solo chi ha fatto parte del vecchio gruppo di Rifondazione, vogliamo andare ben oltre perché oggi è fondamentale intraprendere un cammino verso l'unità della sinistra», prosegue Montalto. Da questo punto di vista SI offre l'occasione per iniziare da subito a lavorare all'interno di una realtà che fa già parte dell'arco parlamentare. «Sappiamo già che in altri territori, la scelta di Sinistra Italiana di porsi all'opposizione sta producendo come effetto l'ingresso di tanti compagni - va avanti Montalto - Noi condividiamo in toto la linea del partito e crediamo che gli ultimi atti, dalle proposte sulla scuola, la patrimoniale e la mozione per chiedere la fine dell'embargo per Cuba, rappresentino a pieno i valori della sinistra in questo Paese».

Le criticità emerse con la pandemia hanno acceso i riflettori su temi cari da sempre al mondo della sinistra. «Parlare di come vengono spese le risorse destinate alla sanità, di come si diano soldi ai privati mentre si abbandonano le strutture pubbliche è un tema che prima viveva all'interno dei confini della sinistra radicale. Oggi invece è un argomento che interessa tutti, finalmente abbiamo la possibilità fare pesare le nostre ragioni dopo anni di battaglie».

Questo l'elenco di chi ha annunciato l'adesione: Paolo Modica (direttivo Fiom ST), Pierpaolo Montalto,Valerio Marletta (consigliere comunale Palagonia), Valentina Ruffino (lavoratrice Coop), Giolì Vindigni, Grazia Loria (insegnante), Turi Siracusa, Claudio Longo, Giusi Milazzo (segretaria Sunia Catania), Carmen Mangiagli (segreteria provinciale Fiom Catania), Andrea Alba (insegnante Rsu), Carlo Barchitta, Guido Rizzo, Giuseppe Grasso (consigliere comunale Santa Venerina), Nicola Giaquinta (consigliere comunale Palagonia), Eugenio Russo (consigliere comunale Scordia), Santo Giuffrida (sindcalista), Claudio Colletti, Fulvia Privitera, Mohammed Heidi Tlili (bracciante), Naima Ben Alì (Rete Scordia Sfrutta Zero), Maurizio Berluti (infermiere), Marco Rapisarda, Simona Favara, Pietro Pignataro, Laura Parisi, Salvo Guarnaccia, Filippo Cannizzaro, Sebastiano Nicosia, Enrico Strano, Antonio La Barbera, Daniele Milluzzo, Sergio Barchitta, Nadia Caniglia, Anna Lisa Palazzo, Rosanna Leotta (insegnante), Pippo Rapisarda, Antonino Alfonso, Giuseppe Mannino, Vincent Mobilia, Giuseppa Spartà, Marcello Ranno, Alessandro Distefano, Salvina Vacirca, Giuseppe Failla, Luigi Razza (Fiom ST), Gaetano Pace, Marco Lussi, Paolo Millesoli, Maria Concetta Verdura, Silvia Contarino, Gaetano Favara, Giuseppe Renda, Salvatore Luca Agnello, Gaetano Barchitta (insegnante), Daniela Cappellano, Rocco Milluzzo, Alfio Renda, Domenico Vinci,Vincenzo Favara, Davide Caruso, Chiara Nastasi, Giuseppe Strazzeri (Rete Scordia Sfrutta Zero), Vanessa Valenti, Dario Arcidiacono, Fabio Montalto, Daniela Urso (insegnante) Rosaria Spartà.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×