Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Mafia, quattro arresti nel Catanese
Imprenditore denuncia per salvare l'azienda

Vincenzo, Gaetano e Antonino Valenti, fratelli pregiudicati ritenuti affiliati al clan Pillera-Puntina, insieme a Giuseppe, figlio del primo, sono stati arrestati ieri mattina dai Carabinieri etnei. Secondo gli inquirenti, dal 2011 avevano preso di mira un impresario obbligandolo ad eseguire lavori di ristrutturazione gratuiti, tentando di far assumere il più giovane arrestato con uno stipendio di 3600 euro al mese e di acquistare l'azienda sottoprezzo. Ma la vittima si è ribellata

Redazione

Una casa rimessa a nuovo senza spendere un centesimo, un lavoro con uno stipendio da sogno e la pretesa di acquistare un'azienda a una cifra tre volte inferiore al suo valore di mercato. E' successo nel Catanese, dove un imprenditore edile era stato preso di mira da quattro estorsori che, dal 2011, avevano esercitato su di lui continue minacce ed intimidazioni. Ma la vittima, stanca di subire, ha denunciato tutto ai Carabinieri. Al termine delle indagini sono così finiti in manette per estorsione Vincenzo Valenti, classe ’64, Gaetano Valenti del ’59 e Antonino Valenti del ’61, fratelli e pregiudicati ritenuti affiliati al clan Pillera-Puntina. Insieme a loro è stato arrestato anche Giuseppe Valenti, 28 anni, figlio del primo. I quattro sono stati catturati tra Catania, San Pietro Clarenza e Mascalucia.

Antonino Valenti

Gaetano Valenti

Giuseppe Valenti

Vincenzo Valenti

Una vicenda di racket e prepotenza che ha inizio nel 2011 quando, a furia di ripetute minacce, Vincenzo e Giuseppe Valenti avevano costretto l’imprenditore catanese a ristrutturare gratuitamente una casa di loro proprietà in provincia di Catania. Lavori che sarebbero costati all'impresa della vittima - che in quel periodo stava attraversando un momento di difficoltà economiche - circa 18mila euro. Ma le pretese dei Valenti non finiscono qui. Secondo gli inquirenti, padre e figlio avrebbero continuato a minacciare l'imprenditore nel tentativo di obbligarlo ad assumere il 28enne e a corrispondergli uno stipendio mensile da capogiro di 3.600 euro.

L'obiettivo dei Valenti, però, era di entrare in possesso dell'azienda della vittima. Dopo altre minacce e vessazioni, Giuseppe Valenti era addirittura «entrato con fare arrogante nei locali dell’impresa, costringendo tutti gli operai ad andarsene e chiudendo con un lucchetto il portone di ingresso in modo da impedire l’accesso e gridando che l’azienda era di sua proprietà», riportano i Carabinieri in una nota per la stampa. Un episodio che aveva solo preceduto la pretesa da parte dei tre fratelli di acquistare l’azienda e i macchinari ad un prezzo tre volte inferiore all’effettivo valore di mercato. Altre minacce, che però sono state le ultime perché la vittima, esasperata dalle continue intimidazioni e intenzionata a non perdere la sua azienda, ha deciso di ribellarsi denunciando tutto ai Carabinieri. Gli estorsori adesso di trovano rinchiusi nel carcere di Piazza Lanza.

[Foto di Tar Sands Blockade]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews