Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

In via Fasano si lavora alla rotatoria e alla nuova linea Brt
Polemica su alberi estirpati e abbandonati ai Due Obelischi

Il progetto targato Amt e Comune di Catania prevede l'implementazione della linea bus di via Passo Gravina, dall'incrocio con via Carrubella fino all'inizio della sopraelevata che porta al quartiere di San Paolo

Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Foto di: Gabriele Patti

Due rotatorie e il potenziamento della tratta Due Obelischi-Stesicoro. È il progetto frutto della collaborazione tra la Città metropolitana di Catania, il Comune di Gravina e l'Azienda metropolitana trasporti per potenziare il Brt-1 e, al contempo, andare incontro alle esigenze dei residenti di via Fasano per agevolare l'accesso alle proprie vie di residenza. I lavori sono stati avviati da due settimane, ma hanno già dato adito alle polemiche. Oltre alle lunghe code c'è il nodo della rimozione degli unici due alberi presenti nello spartitraffico che separa la carreggiata, che sono stati estirpati e lasciati seccare al parcheggio scambiatore nel quartiere Due Obelischi. La realizzazione rientra nell'ambito di un progetto più ampio che vede la rimodulazione del percorso con la realizzazione di rotatorie spartitraffico, per un ammontare complessivo di circa un milione e 170mila euro, provenienti dai fondi europei Pon metro 2014-2020, «allo scopo - si legge nella relazione generale di marzo 2019 -, di migliorare la velocità e la puntualità della linea intervenendo sui nodi principali del rallentamento e aumentando il percorso in corsia protetta». Ad aggiudicarsi l'affidamento dei lavori è stata l'azienda Marinelli Italiano Sas di Torgiano, in provincia di Perugia. 

Nel cosiddetto nodo Bosco (identificato nelle carte dell'affidamento come quello all'ingresso del parcheggio Due Obelischi) verranno inserite nuove isole spartitraffico per regolare e convogliare il traffico. «Ma il percorso - prosegue la relazione -, verrà migliorato anche in un tratto di via Passo Gravina, da via Carrubella verso nord, con l'inserimento di una corsia protetta al centro della carreggiata. Sempre nello stesso tratto verranno riconfigurati i nodi con via Saverio Fiducia e via Carrubella». In sintesi, i lavori in questione mirano alla realizzazione di due rotatorie. Nella prima, quella prevista in concomitanza di via Saverio Fiducia, verranno inserite la fermata Brt di andata e quella di ritorno. Per quella in prossimità di via Carrubella, invece, è prevista una rimodulazione che permetterà l'attraversamento del mezzo pubblico con due corsie di marcia riservate. 

Il cantiere è aperto ma sui social pullulano già le segnalazioni di cittadini e associazioni (da Lungomare Liberato a Legambiente) che lamentano la poca cura nella rimozione dei soli due alberi presenti nello spartitraffico di via Fasano. Le piante sono state abbandonate in fondo al parcheggio dei Due Obelischi e, stando alle condizioni, sembra difficile che in futuro possano riattecchire. Abbiamo provato a contattare telefonicamente gli assessori al ramo, Pippo Arcidiacono ed Enrico Trantino, senza però ricevere alcuna risposta in merito. 

Nel progetto ha ricoperto un ruolo anche il Comune di Gravina con la mozione, presentata a novembre del 2018, da parte dei rappresentanti della maggioranza in Consiglio, con la quale si chiedeva la creazione di una rotatoria nell'intersezione in cui congiungono via Aldo Moro, via Fasano e via Fiducia Saverio e in cui si prevedeva già l'intervento dell'Azienda metropolitana trasporti. Due anni dopo, la proposta nata per agevolare i residenti della zona, dovrebbe concretizzarsi. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×