Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ramacca: Lega e Pd alleati sulle orme del governo Draghi
«Il nostro è un progetto civico. In città ci conosciamo tutti»

Gianmarco Lizio è il segretario dei dem locali, mentre Filippo Zampogna ricopre il ruolo di commissario cittadino del Carroccio. Adesso lanciano il nuovo progetto politico per le prossime Comunali nella città calatina

Carmelo Lombardo

Foto di: tipicalsicily

Foto di: tipicalsicily

Il paragone forse sarebbe azzardato ma, a quanto pare, la formula nazionale con cui si è formato il governo guidato da Mario Draghi ha coinvolto anche Ramacca. Nella città del Calatino, infatti, da qualche giorno ha preso corpo il progetto civico che vedrà esponenti locali della Lega aderire insieme ad alcuni soggetti del Partito Democratico. Nel Comune commissariato dopo la sfiducia all'ex sindaco Pippo Limoli arrivata lo scorso ottobre da parte di 12 consiglieri comunali, il prossimo autunno si andrà alle elezioni per decidere il primo cittadino e il consiglio comunale. Adesso, anime a primo impatto diverse politicamente sono decise a spendersi per la città, al di là dei colori politici. «Nei piccoli Comuni ci conosciamo tutti e guardiamo più alle persone che ai partiti - fa notare Gianmarco Lizio segretario locale dem a MeridioNews - Non c'entrano le dinamiche nazionali: parliamo di un'alleanza con persone che sappiamo chi sono. Fossero stati profili discutibili, allora sarebbe stato giusto prendere le distanze, ma a livello comunale guadiamo a come risolvere i problemi». 

In un momento in cui dai vertici nazionali del Partito Democratico si sente parlare del bisogno di ripartire dai piccoli territori, secondo Lizio questa visione comune con la Lega cittadina non compromette la militanza all'interno del partito. «Io non metto da parte i miei ideali - sottolinea - In questo caso si tratta solo di spendersi per il bene comune. Il Partito democratico continua a essere sul territorio». Sulla scelta nessun passo indietro. «Sono del parere che ognuno, nel proprio Comune, può decidere la strada da intraprendere - commenta - A prescindere da eventuali diktat esterni».

Dello stesso parere è Filippo Zampogna. Il commissario cittadino del Carroccio ricorda l'esperienza politica già intrapresa con alcuni consiglieri del Partito democratico tra i banchi dell'opposizione. «Insieme a loro abbiamo condiviso la contestazione all'ex sindaco Pippo Limoli - racconta - Abbiamo fatto un percorso insieme ad alcuni ragazzi del Pd e adesso portiamo avanti un progetto di responsabilità. Nei piccoli paesi dobbiamo superare queste barriere dei simboli politici». Zampogna, insieme alla lista civica Madre Terra di cui faceva parte, nel 2016 ha sostenuto il primo cittadino. Ma dopo sei mesi lui e un collega sono passati all'opposizione. «Abbiamo rinunciato anche a due assessori - aggiunge - Noi volevamo portare avanti le nostre idee e lo abbiamo anche spiegato alla città». Davanti alla possibilità che nel prossimo futuro possa venir meno la coerenza politica e che possa palesarsi una divisione davanti ad alcuni temi politici con i nuovi compagni di viaggio del Pd, Zampogna assicura: «Per noi conta il senso di responsabilità, non si può parlare di mancata coerenza ai partiti in un paese di novemila anime. Se ci saranno temi pronti a dividerci, troveremo una soluzione».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×