Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, per il match con la Casertana dubbi in attacco
Prevista l'intitolazione della tribuna stampa a Sberna

Il nuovo omaggio precederà il fischio iniziale. In campo i siciliani proveranno a fare un passo in avanti per difendere il quinto posto in classifica in ottica play off. In avanti non è certo l'impiego di Sarao

Antonio Costa

Foto di: Sabrina Malerba

Foto di: Sabrina Malerba

Domani alle 17.30 Catania e Casertana scenderanno in campo al Massimino nella penultima giornata della stagione regolare e i dubbi principali di mister Francesco Baldini sono legati certamente alla composizione del trio d’attacco. Il tecnico rossazzurro attende notizie soprattutto in merito a Manuel Sarao, che non è al cento per cento e potrebbe anche partire dalla panchina.

In tal caso giocherebbe titolare ancora una volta Matteo Di Piazza, che sarà certamente affiancato da Russotto, mentre dall’altra parte resta in piedi il ballottaggio tra Golfo e Reginaldo. In porta Martinez è ormai il titolare inamovibile. Davanti a lui ci sarà certamente Silvestri, mentre per l’altra maglia è bagarre aperta tra Claiton e Giosa, con Pinto e Calapai sempre sulle fasce. In mediana tornerà dalla squalifica Welbeck, favorito su Izco per completare il trio con Maldonado e Dall’Oglio.

Il Catania punta a blindare il quinto posto in ottica play off, attualmente occupato in coabitazione con la Juve Stabia a quota 55 punti, e per riuscirci ai rossazzurri basterebbe vincere sia la partita contro la Casertana che quella della prossima settimana sul campo del Foggia. 

La sfida di domani sarà anticipata da un nuovo momento emozionante dedicato a Stefania Sberna, alla quale novanta minuti prima del fischio d’inizio verrà intitolata ufficialmente la tribuna stampa del Massimino.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×