Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Gli artigiani del digitale che rendono democratico il web
«Con Flazio chiunque può creare il proprio sito internet»

Da Nord a Sud - e non solo - sono oltre un milione le aziende che hanno già scelto di stare online con una delle prime start up isolane. Nata dieci anni fa alle pendici dell'Etna, oggi è un'azienda con un team internazionale composto da 35 dipendenti

Questa non è la storia di un'azienda, ma del filo rosso che ne lega oltre un milione in tutta Italia. Tante sono infatti le realtà che, a partire dal 2011, si sono affidate a Flazio per esistere nel mondo online. Nata all'ombra dell'Etna come una delle prime start up siciliane, l'obiettivo dell'azienda era - ed è ancora oggi che sono cresciuti - quello di rendere più democratico l'accesso al web. Il termine tecnico è sitebuilder, la traduzione sono le migliaia di piccole e medie imprese sbarcate sul web: dalle realtà artigianali che hanno bisogno di restare al passo con i tempi - e i clienti - ai progetti dei giovani con buone idee ma pochi fondi.

In sostanza, si tratta di un software con cui gli utenti - anche quelli non proprio nativi digitali - possono creare, modificare e pubblicare siti web vetrina, sistemi di prenotazione e siti e-commerce senza particolari competenze o spese eccessive. L'intuizione di superare lo scoglio delle righe di codice da compilare, per passare a un sistema in cui ciò che si vede sullo schermo nella fase di realizzazione è anche ciò che apparirà sul sito, è di Flavio FlazioL'artigiano del digitale è oggi a capo di un'azienda di 35 persone

Ingegneri informatici, programmatori, designer, copywriter, tecnici e creativi. Un team multidisciplinare e internazionale in continua crescita. L’ultimo arrivato si chiama Michael Xenakis, ha 30 anni e da New York ha scelto di vivere a Catania. Non per il mare, le granite alla mandorla o le cipolline ma per portare Flazio anche negli Stati Uniti. Un modello di innovazione nato e cresciuto nel Meridione che, adesso, punta a costruire anche Oltreoceano le case virtuali di imprese e persone.

Fatti i dovuti aggiustamenti per un mercato diverso come quello statunitense, il punto di forza di Flazio rimarrà sempre lo stesso: il sistema drag & drop (che in italiano sarebbe "clicca e trascina") con cui è possibile creare le pagine del proprio sito a blocchetti - spazi per testo, foto o altro - che si adattano automaticamente alle dimensioni dello schermo dei dispositivi su cui verranno visualizzate.

E se il sistema va incontro a chi oggi non ha competenze informatiche, l’altro vantaggio del fai da te è certamente l’investimento. «Con meno di dieci euro al mese i nostri utenti possono registrare il proprio dominio, usufruire del servizio di posta con l’hosting incluso e della funzionalità multilingua che permette, in modalità automatica o manuale, di tradurre il sito web in oltre cinquanta lingue - spiega Flavio Fazio - Offriamo anche un servizio di assistenza in italiano multicanale 24 ore su 24, sette giorni su sette».

Una mano tesa che ha salvato anche le realtà più scettiche, costrette a ripensare le proprie attività online durante l'emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. «Già durante i primi due mesi di pandemia il numero dei nostri clienti si è triplicato», racconta Fazio. Ulteriori pezzi di quel filo rosso sostenuto dalla rivoluzione digitale di Flazio

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×