Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

I boss mafiosi che fanno i furbetti del reddito di cittadinanza
A chiedere i sussidi dello Stato erano anche nomi eccellenti

Negli elenchi stilati dai militari del nucleo investigativo dei carabinieri di Catania ci sono esponenti di spicco della criminalità organizzata della provincia. Alcuni dei quali anche con rapporti diretti con appartenenti alla dinastia dei Santapaola

Simone Olivelli

Foto di: Frantisek_Krejci

Foto di: Frantisek_Krejci

Ci sono anche i boss di Paternò e Adrano tra i percettori del reddito di cittadinanza scovati dai militari del nucleo investigativo dei carabinieri di Catania, nell'ambito di un'indagine che ha confermato come anche i clan mafiosi riescano ad attingere i sussidi statali per contrastare povertà e disoccupazione. Sono 76 le persone nei confronti delle quali è scattata la sospensione delle erogazioni nonché la procedura per recuperare le somme fin qui ottenute. Non mancano i nomi importanti

Tra chi riceveva mensilmente l'accredito dall'Inps c'era, infatti, Franco Amantea. Uomo d'onore della famiglia Assinnata che a Paternò ha storicamente rappresentato l'articolazione locale della famiglia Santapaola-Ercolano. A inoltrare la richiesta sarebbe stata la moglie Antonietta, sorella del boss Turi Assinnata. Amantea è stato più volte coinvolto in inchieste su Cosa nostra, tra cui l'indagine Kronos. A parlare di lui è stato anche il collaboratore di giustizia Francesco Squillaci, conosciuto come Martiddina. «Ci accordammo con Nino Santapaola per affiliare Francesco Amantea e Turi Assinnata. Furono pungiuti nel 2003 in carcere a Bicocca, in un ripostiglio accanto ai bagni - ha messo a verbale Squillaci - Nino Santapaola fece da padrino a Franco Amantea, mentre io lo feci a Turi Assinnata». 

Il reddito di cittadinanza andava anche a Rosario Tripoto e Antonino Botta. I due erano tra i partecipanti - Botta mise a disposizione anche la casa - del summit in cui venne arrestato Santo La Causa, l'ex killer e reggente della famiglia Santapaola. Era l'8 ottobre del 2009 quando La Causa, all'epoca tra i principali ricercati in Sicilia, venne fermato. Dagli accertamenti compiuti dai militari del nucleo investigativo, guidati dal colonnello Piercarmine Sica, si è scoperto che Tripoto non era soltanto un beneficiario, ma aveva chiesto il sussidio in prima persona. Il nome dell'esponente mafioso è finito anche all'interno del processo ad Angelo Lombardo, il fratello dell'ex governatore Raffaele. A citarlo è stato il collaboratore di giustizia Salvatore Sciacca, dicendo che nel 2008 Tripoto organizzò un incontro nel Catanese in una villetta. Un faccia a faccia, nato per sostenere Lombardo e concordare la contropartita, in cui sarebbero volati anche gli schiaffi.

A ottenere il sostegno economico dello Stato era stato anche Vincenzo Rosano. L'uomo, considerato il capo del clan Rosano-Pipituni attivo ad Adrano, nel 2017 è finito sulle pagine dei giornali, per i necrologi comparsi per i muri della città che annunciavano la morte del figlio Valerio. All'epoca 26enne, il giovane aveva da poco iniziato a collaborare con la giustizia. Una scelta che il clan decise di accogliere in maniera plateale, ripudiandolo. Vincenzo Rosano, a fine febbraio, è finito tra gli arrestati dell'operazione Adrano libera. Nel complesso, le somme indebitamente percepite che sono finite nell'indagine superano i 600mila euro

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×