Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Esmeralda e la vicinanza di Maletto per un atto vandalico
L'amarezza dopo la scelta di tornare a investire sulla Sicilia

La 32enne catanese si è stabilita nel paesino dell'Etna dopo la vita a Bologna. Obiettivo aprire un'attività. Nei giorni scorsi però i vandali l'avevano fatta ricredere. Subito dopo è scattata la mobilitazione con tanto di raccolta fondi

Giorgia Lodato

Dalla Sicilia a Bologna. E viceversa. La catanese Esmeralda Spitaleri a 32 anni è tornata nella sua terra per arricchirla e dare il proprio contributo. E anche se è stata vittima di un atto vandalico che le è costato lacrime e soldi, non si arrende e ritrova nella solidarietà di un’intera comunità il sorriso e la forza per andare avanti nel proprio progetto. L’avevamo lasciata nel 2016 a Bologna, dove insieme a tre soci aveva fondato il progetto Brisa. La ritroviamo oggi, cinque anni dopo, a Maletto. In un video pubblicato su Facebook, mentre è in lacrime, mostra l’auto gialla graffiata e pitturata con macchie di vernice rossa e senza uno specchietto. 

Nel frattempo tante cose sono cambiate nella vita di Esmeralda. «Mentre ero a Bologna ho conosciuto e mi sono innamorata di Iacopo, un enologo che vive a Venezia, dove ci siamo trasferiti e dove abbiamo fondato una piccola azienda. Facevamo vino a Vicenza, appoggiandoci a varie cantine. Nel frattempo lavoravo per un’enoteca molto importante». Quando ha sentito di aver dato il massimo a Venezia, Esmeralda ha deciso di tornare in Sicilia e di aprire una nuova società con altri due conterranei che, come lei, hanno studiato fuori e desideravano investire nel proprio territorio. «Produciamo vino e birra e vogliamo diventare una fabbrica di produzione anche per altri. Perché in Sicilia i laboratori di produzione sono molto piccoli e spesso non si aprono ad altre realtà. Noi, invece, vogliamo il contrario. Vogliamo condividere il nostro spazio con quante più persone possibile».

A gustare, fortunatamente per qualche ora, il buon umore di Esmeralda questo risveglio burrascoso. «Non abbiamo ancora una cantina, un negozio o una vigna, non abbiamo rotto le scatole a nessuno e per questo non ci spieghiamo questo atto. Abbiamo solo la nostra casa, che vogliamo rendere un rifugio per chi vorrà lavorare con noi e per far conoscere posti sconosciuti. Abbiamo scelto Maletto perché tutti conoscono Bronte e Randazzo. Tutto il mondo conosce il versante est dell’Etna, quello dove si producono i vini più pregiati e costosi. Ma gli altri versanti sono lasciati a se stessi e per questo abbiamo deciso di puntare su questa zona».

Ad Esmeralda sono bastate poche ore per risollevarle il morale. «Ho ricevuto tanti messaggi di supporto da parte dei malettesi che si vergognano di questo atto e se ne dissociano e sono stata ricevuta dal sindaco Giuseppe De Luca che ha voluto conoscermi e scusarsi a nome di tutta la comunità e che ha girato un video da divulgare sui social per prendere, in maniera ufficiale, le distanze da questo gesto». 

Diciamo che la storia, quindi, ha un lieto fine. «Ricevere tutto questo supporto da persone che dicono “Mi dispiace, non siamo questo”, mi fa pensare che siamo capitati nel posto giusto. Perché per uno in grado di compiere certi gesti, ce ne sono altri cento che invece fanno cose positive. E sono felicissima di questo. Quello della macchina è un problema grave che però con 400 euro si risolve, basta portarla dal carrozziere. Ma sapere che c’è una comunità che si stringe attorno a me è bellissimo. Più che l’atto di vandalismo, quindi, direi che è come ha risposto la comunità la vera notizia». Per provare ad aiutare la vittima di quello che sembra un atto vandalico è scattata anche una raccolta fondi, promossa dall'associazione culturale Foglia Etnea, sulla piattaforma GoFoundMe. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×