Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

È iniziato il processo per il duplice omicidio della Piana
Chiamati in causa pure i proprietari del fondo agricolo

Alla sbarra ci sono Giuseppe Sallemi e Luciano Giammellaro. Gli avvocati delle parti civili hanno chiesto di citare come responsabili civili i due con cui i custodi avrebbero avuto un contratto di lavoro. A perdere la vita furono Massimo Casella e Agatino Saraniti 

Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre, Luisa Santangelo

Foto di: Marta Silvestre, Luisa Santangelo

Si è aperto ieri il processo davanti alla corte d'Assise di Siracusa che vede imputati il custode 42enne Giuseppe Sallemi e il pensionato 71enne Luciano Giammellaro. Entrambi sono accusati di essere gli autori del duplice omicidio e del tentato omicidio avvenuti la notte tra il 9 e il 10 febbraio del 2020 in contrada Xirumi, nella zona della Piana, a cavallo tra le province di Catania e Siracusa. A perdere la vita furono il 47enne Massimo Casella e il 18enne - figlio della sua compagna - Agatino Saraniti. Unico sopravvissuto e testimone chiave dell'inchiesta è il 36enne Gregorio Signorelli che è anche indagato nel procedimento collegato per il tentativo di furto di arance di quella notte. 

Durante la prima udienza, le parti civili hanno chiamato in causa anche i due proprietari del fondo agricolo con cui gli imputati avrebbero avuto un contratto di lavoro. Per i legali che li assistono, potrebbero esserci i margini per ritenere anche loro responsabili di quanto accaduto. La corte d'Assise ha accolto la richiesta degli avvocati delle parti civili e ha già emesso il decreto di autorizzazione alla citazione dei due proprietari dei terreni come responsabili civili. Non solo il sopravvissuto, come parti civili del procedimento sono stati ammessi anche diversi familiari delle due vittime: per Casella la madre Grazia Alì, i fratelli Giuseppe, Mario e Marco, le sorelle Emilia e Loredana, la moglie Debora Labbattaglia e il figlio Lorenzo. Per Saraniti, invece, le parti civili accolte sono la madre Patrizia Di Pietro (anche come genitore del fratello minorenne di Agatino), la compagna e madre della loro figlia che portava in grembo nel momento del delitto Morena Scuderi, la sorella Carmela Zuccaro e i fratelli Giuseppe Zuccaro e Salvatore Angelo Saraniti. 

L'impianto accusatorio si basa soprattutto sulle dichiarazioni di Signorelli che, già dal letto d'ospedale in cui si trovava ricoverato dopo le gravi ferite di colpi d'arma da fuoco, aveva ricostruito quanto accaduto quella notte nella vasta scena del crimine. «Erano in tre - aveva raccontato il sopravvissuto a MeridioNews - sono arrivati tutti insieme con due macchine e i due scesi dalla jeep erano già armati». Loro, invece, erano tutti e tre disarmati. Una versione che Signorelli ha poi ribadito anche durante l'incidente probatorio. La terza persona di cui ha parlato il sopravvissuto è un uomo più giovane, individuato nel figlio dell'anziano guardiano (non indagato) che «avrebbe assistito ai primi momenti ma sarebbe poi andato via senza prenderne parte».

Dopo essere stato arrestato, Sallemi (detenuto nella casa circondariale di Piazza Armerina e che ha rinunciato ieri a partecipare all'udienza) aveva confessato di avere agito da solo e per legittima difesa. Una versione smontata dai risultati dell'autopsia che lui stesso, in seguito, avrebbe parzialmente ritrattato. Giammellaro (che si trova, al momento, detenuto nella casa circondariale di Agrigento e che ieri era presente in aula), invece, continua a professarsi innocente. Per il sostituto procuratore, a spingere i due a imbracciare il fucile calibro 12 (portato illegalmente in quel luogo perché Sallemi aveva il porto d'armi solo per andare a caccia) caricato a pallini e a esplodere diversi colpi, anche a distanza ravvicinata, sarebbe stato un «risentimento per l'azione predatoria ai danni del fondo agrumicolo», si legge nei documenti. Un movente che è stato ritenuto sproporzionato all'azione per cui sussiste l'aggravante dei futili motivi. Per la morte di Saraniti, inoltre, viene contestata anche l'aggravante della crudeltà per l'ultimo colpo sparato a contatto.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×