Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Belpasso, Vinci: «Ecco perché ho scelto di lasciare il gruppo»
Separati in casa dopo l'elezione a presidente del Consiglio

Patrizia Vinci risponde alle accuse di «opportunismo» e di avere «bloccato il percorso di crescita di Belpasso Futura» che le aveva mosso il coordinatore Salvo Licandri. «Dal giorno dopo le elezioni, la formazione si è sciolta come neve al sole», dice a MeridioNews

Marta Silvestre

«La verità è che alcuni del gruppo non hanno digerito la mia nomina a presidente del Consiglio comunale». A distanza di oltre una settimana, Patrizia Vinci ha deciso di dire la propria sulla scelta di uscire da Belpasso Futura, condivisa anche dal consigliere Gaetano Campisi a cui è toccato il compito di comunicarla durante la seduta del civico consesso dello scorso 20 maggio. Una decisione che il coordinatore del gruppo Salvo Licandri aveva commentato a MeridioNews parlando di un «rallentamento del percorso di crescita dovuto ai due fuoriusciti» e annunciando che non avrebbe più permesso «agli opportunisti di utilizzare la formazione come passaporto per girovagare in cerca di posizioni politiche». Esternazioni che la consigliera, passata adesso al gruppo misto, ha letto come «attacchi personali a cui è doveroso rispondere». 

Che quello dell'elezione di Vinci a presidente del Consiglio comunale sia stato un momento spartiacque della politica belpassese è indubbio. Sin da subito il consigliere Santi Borzì lo aveva considerato un «tradimento politico» che aveva portato a fratture e divisioni nel gruppo. «Nella prima riunione utile - spiega Vinci a MeridioNews - avevo chiesto un confronto che mi è stato negato. Come prima cosa, invece, chiesero le mie dimissioni e, dopo il mio rifiuto, mi proposero di rimanere da separati in casa perché sarebbe stato da pazzi buttare fuori la presidente del Consiglio, una figura che può sempre tornare utile». È così che Vinci rispedisce al mittente le accuse di opportunismo. Per motivare la propria decisione, la presidente parte da lontano: «È sotto gli occhi di tutti che, dopo le elezioni comunali, del gruppo non c'è stata alcuna traccia - argomenta - Si è dissolto come la nebbia al sorgere del sole». 

Stando a quanto ricostruisce Vinci, in tre anni, «non c'è stata nessuna riunione per programmare attività o proposte da portare in Consiglio. Di contro - sostiene la presidente - in questi anni, io ho lavorato a fari spenti occupandomi dei disabili del centro aggregazione, dei ragazzi disabili nella scuola dove presto servizio in orario extra-scolastico; ho fatto da tramite tra il Comune e la scuola per l’attivazione di diversi progetti di alternanza scuola-lavoro». Nell'elenco delle azioni portate avanti, c'è spazio anche per le attività svolte dopo essere stata designata dal sindaco Daniele Motta a consigliera delegata alla solidarietà sociale. «Mi sono occupata, e continuo a farlo, del centro Solida - prosegue Vinci - dai lavori di ristrutturazione dei locali all’organizzazione per il funzionamento con l’aiuto di alcune associazioni locali. Tutto questo - sottolinea la presidente - sempre senza l’aiuto o il suggerimento di nessuno, men che meno di qualsiasi membro del gruppo». 

Per rispondere alle accuse di opportunismo, Vinci fa poi ricorso ai numeri. «Non credo di essermi approfittata di nulla ma, al contrario, sono sempre stata coerente. Il mio risultato elettorale sommato a quello di Gaetano Campisi  - puntualizza - conta più del 40 per cento del totale dei voti ottenuti dalla lista. Quindi, semmai, sono altri a essersi approfittati di un peso elettorale che, all’occorrenza, era utile da fare valere». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×