Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L'antico sentiero naturale rinasce grazie a tre cittadini
«Lo affidiamo ai giovani perché riscoprano il territorio»

«Durante il primo lockdown, abbiamo deciso di riportare questo luogo a come era un tempo». A parlare a MeridioNews è Rosario che, insieme alla moglie Silke e all'amico Luca, ha ripulito il sentiero che collega Aci Catena ai Comuni vicini. Guarda il video

Foto di: Carmelo Lombardo

Foto di: Carmelo Lombardo

La voglia di valorizzare il proprio territorio, a volte, non passa necessariamente da grandi sforzi economici o da iniziative clamorose, ma può partire dai ricordi della propria infanzia. La storia di cui si è reso protagonista Rosario può testimoniarlo. Lui è cresciuto ad Aci Catena, dove attualmente vive con sua figlia e la moglie Silke che, dopo il matrimonio, ha deciso di lasciare la Germania, dov'è nata. La loro casa è inserita tra il centro abitato e un giardino. Dall'abitazione si vede una grande scarpata apparentemente senza uscita. «Durante il primo lockdown con mia moglie ci siamo guardati intorno - spiega Rosario a MeridioNews - Noi camminiamo spesso e, quando si poteva, abbiamo scelto di inoltrarci in questa parte della campagna da cui non si vedeva nessuno spiraglio». 

Cosa ci fosse in quel lungo viale, prima che fosse invaso da montagne di terra, edera e rovi, Rosario lo ricorda. «Il posto lo conosco da quando avevo dieci anni - racconta - Lo frequentavano in tanti: era una salita immersa nel verde, distaccata dalla città. Grazie a questo percorso - aggiunge - tutti quanti potevano raggiungere in breve tempo Aci Sant'Antonio e poi dirigersi o a Valverde o all'Eremo di Sant'Anna. Da anni, però, purtroppo, è stato lasciato in completo abbandono».

Così, Rosario, insieme a sua moglie Silke e all'amico Luca - che dopo il lavoro ha lasciato la provincia di Varese per trasferirsi in Sicilia - provano a liberare quel sentiero lastricato da pietre, segnato da ammassi di terra e coperto da fitte sterpaglie per riportarlo a com'era un tempo. «Nonostante l'entusiasmo non mancasse, la spinta maggiore mi è stata data da mia moglie, che ha insistito - continua - Abbiamo trovato anche eternit, tra vecchie lavatrici e grovigli di filamenti di nailon. Proseguendo abbiamo deciso di ripulirlo fino al belvedere di piazza Giglio, una sporgenza da cui ci si può affacciare e ammirare tutto il paesaggio». Grazie agli interventi di questi mesi sono emersi anche alcuni gradoni che facilitano la percorrenza del sentiero. Ai margini, ci sono alcuni antichi ruderi e muri in pietra che delimitano le campagne. 

Da alcuni cancelli, è possibile vedere la saia mastra e le varie canalette, alcune ancora funzionanti, che irrigavano le campagne circostanti. Il territorio, infatti, è storicamente ricco di acqua. In questa zona è presente una delle sedi delle Acque di Casalotto, società di distribuzione idrica. Nell'Ottocento la fertilità del terreno ha spinto diversi agricoltori a terrazzare tutta questa parte fino alla città per poi poter coltivare la vite e gli agrumi. I frutti della terra erano conosciuti nella Sicilia orientale, tanto da essere citati da Giovanni Verga. Nella novella Nedda, lo zio Giovanni invita la protagonista ad andare ad Aci Catena, dove pagano bene l'incartamento delle arance, passando dalla «scorciatoia che conduce a Sant'Anna». Anche ne I Malavoglia l'autore prende spunto da Aci Catena parlando del vino che qui viene prodotto, presumibilmente ricavato dall'uva coltivata da queste parti. 

«Si potrebbe liberare l'altro sentiero di via Mazzaglia, parallelo a via Giglio: si formerebbe un percorso pedonale circolare che da Aci Catena toccherebbe Valverde e Aci Sant'Antonio per poi fare ritorno - conclude Rosario - Questo posto, oltre che un sentiero naturalistico, è un'alta opera ingegneristica creata dall'uomo, che da una timpa è riuscito a creare un sistema idrico. Adesso voglio lasciarlo a mia figlia e ai più giovani, perché possano percorrere questi sentieri alla riscoperta il territorio».

Quelli di via Giglio e via Mazzaglia non sono gli unici sentieri presenti. Le scorciatoie di collegamento, che costeggiano il centro urbano e che hanno resistito alla cementificazione, partono da diversi punti della città ma, al momento, sono impraticabili. «Conosco la questione dalla mia prima sindacatura di vent'anni fa - precisa il sindaco Nello Oliveri - quando su via Giglio avevamo negato l'accesso ai mezzi con un sbarra. Negli anni successivi, però, è tornata a essere invaso da immondizia. Anticamente - aggiunge il primo cittadino - questi erano sentieri religiosi, che oggi potrebbero diventare siti turistici. Per questo, abbiamo deciso di coinvolgere i Comuni limitrofi per un possibile progetto di finanziamento per la riqualificazione». Ma se per eventuali iniziative bisogna aspettare, Oliveri intanto assicura che l'amministrazione si occuperà della rimozione dell'amianto. «Siamo contenti che alcuni cittadini si siano impegnati - commenta Oliveri - Segnaleremo il materiale tossico perché venga eliminato. Per le prossime volte - conclude il sindaco - invito i volontari a interfacciarsi con il Comune prima di procedere con questi interventi, perché avventurarsi può essere anche pericoloso».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×