Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Inseguimento con la polizia finisce con un incidente
Impatto con un autocarro. Ferito 45enne di Adrano

L'uomo è scappato a bordo di una Toyota Yaris lungo la strada provinciale 24. Inevitabile lo scontro con un mezzo di un'azienda specializzata nella vendita di mobili. Il conducente è stato condotto all'ospedale di Paternò

Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

Foto di: Salvatore Caruso

È di un ferito il bilancio di un inseguimento tra un'automobile della Polizia e una Yaris, avvenuto nella tarda mattinata di oggi lungo la strada provinciale 24 e conclusosi con uno scontro frontale tra la Toyota e un mezzo pesante di un'azienda specializzata nella vendita dei mobili. Da quanto si apprende il conducente della Toyota - un uomo di circa 45 anni di Adrano, intorno alle 12.45 non si sarebbe fermato a un posto di blocco lungo la Piana di Catania. 

Il conducente, secondo quanto appreso da MeridioNews, alla vista della polizia sarebbe fuggito a velocità sostenuta inseguito da un’auto delle forze dell'ordine. Tuttavia all’altezza di contrada Ponte Barca, in territorio di Paternò, nei pressi di una doppia curva, il conducente della Yaris ha perso il controllo del mezzo andando a impattare con l’autocarro che proveniva dalla corsia opposta di marcia. La terza auto, quella dei poliziotti, che inseguiva la Yaris non ha potuto evitare l’impatto con quest’ultima. Immediati sono scattati i soccorsi. 

L’uomo alla guida della Yaris è stata condotto da un’ambulanza del 118 all’ospedale di Paternò. Sotto shock ma illesi i due occupanti dell’autocarro, i quali hanno comunque deciso di farsi controllare, andando al presidio ospedaliero più vicino, con mezzi privati. Illesi i poliziotti che si trovavano sull’auto di servizio. Sul posto per i rilievi del caso la polizia municipale di Paternò che ha regolato il traffico. Sulla provinciale si sono create lunghe code di auto su entrambe le corsia di marcia. Solo poco dopo le 15 la situazione è tornata alla normalità. Intanto la polizia sta valutando la posizione del conducente della Yaris. Non è ancora chiaro il motivo per cui l’uomo si sarebbe dato alla fuga e non si esclude al momento alcuna ipotesi.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×