Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Corso delle Province, che fine hanno fatto i semafori?
«Ordinati» 14 mesi fa, adesso «sono stati acquistati»

Dopo la rimozione di due isole spartitraffico, si erano registrati diversi incidenti. Tanto da spingere il Comune ad annunciare l'istallazione degli apparecchi di segnalazione luminosa. I tempi, però, non sono stati mai certi

Dario De Luca

Foto di: Eliobed Suarez

Foto di: Eliobed Suarez

Da «li abbiamo ordinati» a «sono stati acquistati». In mezzo 14 mesi di attesa. Si tratta dei semafori annunciati per regolare il traffico tra corso delle Province e via Gabriele D'Annunzio dopo la rimozione di due isole spartitraffico. Istallazioni volute dall'ex sindaco di Catania Enzo Bianco e rimosse dalla giunta guidata dall'attuale primo cittadino Salvo Pogliese. La questione, che nasce dopo numerosi incidenti avvenuti a inizio 2020, era diventata anche politica con tanto di richieste di dimissioni, avanzate dall'associazione ambientalista Legambiente, per l'assessore alla mobilità Pippo ArcidiaconoMa che fine hanno fatto i semafori? 

«Sono in fase di acquisto - assicura a MeridioNews l'assessore - e rientreranno in una fornitura più consistente per tutta la città». I tempi di messa in funzione degli apparecchi luminosi non sono però chiari e ribaltano quelli, decisamente più imminenti, che lo stesso Arcidiacono annunciava a questo giornale il 14 gennaio del 2020. «Abbiamo ordinato i semafori venti giorni fa», diceva indicando una spesa complessiva di circa 30mila euro

Ma da cosa dipende il ritardo? La colpa non è solo della pandemia ma, almeno in un primo momento, in mezzo era finito anche il trasferimento di alcuni servizi di manutenzione stradale tra partecipate del Comune, nello specifico Multiservizi e Sostare. La prima, attraverso la pagina Facebook ufficiale, aveva definito le rotatorie, poi rimosse, come «cervellotiche». Sostare, guidata dall'avvocato Luca Blasi, intanto ha preso in mano la gestione della segnaletica verticale

Proprio Blasi, contattato da MeridioNews, inquadra la questione. «Il Comune ci ha approvato il piano di congruità - spiega - Nello specifico, si tratta di 15 semafori». Alcuni di questi verranno sottoposti a manutenzione, mentre altri saranno nuovi di zecca. «Quest'ultimi - aggiunge - sono stati tutti già acquistati e ordinati e attendiamo l'arrivo». Subito dopo, si lavorerà ai cantieri nei vari incroci con il passaggio dei fili e di tutto quanto necessario. Le priorità? «Seguiremo quelle che indicherà l'ufficio traffico urbano di Palazzo degli elefanti», conclude Blasi.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×