Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La villa Bellini per la Giornata del rifugiato
«L'Italia è bella solo per le vacanze»

Anche a Catania si festeggia la giornata mondiale del rifugiato nel piazzale del chiosco liberty del polmone verde della città. Giochi, risate e un po' di chiacchiere per stare insieme. C'è chi è scappato dalla guerra in Afghanistan e chi, la maggioranza, è riuscito ad attraversare il Mediterraneo. L'obiettivo è fare rete. Tra i presenti non solo rifugiati o richiedenti asilo, ma anche semplici amici o persone solidali. Guarda le foto

Desirée Miranda

Colori, giochi e qualche chiacchiera insieme. Si è caratterizzata così la giornata mondiale del rifugiato che si è svolta a Catania ieri.  Tutti insieme nel piazzale del chiostro liberty della villa Bellini, per due risate con gli amici o per conoscerne di nuovi. Lo scopo, come spiega Lilit, 24enne armena che ha deciso di svolgere in Sicilia il suo periodo di servizio di volontariato europeo, «è fare rete».

C’è Nasir, ad esempio, 29enne afgano. È scappato in Italia perché nel suo Paese aveva lavorato come poliziotto, per le armate afgane e anche per gli stranieri. Racconta di essersi spostato molto per potere lavorare. «Mi piaceva fare il poliziotto», afferma, ma il suo mestiere non a tutti è gradito in patria. «A Kabul un gruppo di mafiosi voleva uccidermi, hanno minacciato e fatto del male alla mia famiglia», dice. Una volta marchiato come nemico, la sua vita cambia. Nessuno in casa riesce più a stare sereno e così i genitori lo spingono ad andare via. Cambiare paese di continuo non è il vero problema, «sono abituato, sono cresciuto con la guerra e dovevamo spostarci – spiega - ma così non riesco a vedere i miei genitori che non stanno tanto bene», spiega. Quello per l'Italia non è stata laprima fuga dal suo Paese.

Nel 2007 è stato in Inghilterra per un breve periodo, poi è tornato in Afghanistan e infine è ripartito. È in Italia da circa due anni, il viaggio gli è costato ottomila 300 dollari ed è durato circa un mese. «È stato difficile anche perché non potevo mangiare o bere quando volevo. E poi fa un po’ schifo mangiare solo formaggio e a qualsiasi ora», racconta. È in attesa dei documenti per rifugiato che dovrebbe ricevere il prossimo 27 giugno. «Io ho pagato, ma ogni giorno devo andare in questura per problemi. Speriamo bene», dice. L’Italia gli piace, «è un bel posto – afferma – ma non c’è lavoro. Non posso continuare a farmi mandare i soldi dai miei parenti», sostiene.

Sul piazzale della villa Bellini si incontrano anche alcuni minorenni arrivati in Sicilia clandestinamente via mare e che adesso sono ospiti di una comunità ad Acireale. Karim, Rami e Besnox arrivano dall’Egitto, Salah è invece somalo. Non parlano bene l’italiano, sono qui da pochi mesi e hanno anche qualche difficoltà a capire. Karim è quello che se la cava meglio. Lui è in Sicilia da circa un anno e si fa portavoce degli amici. «Siamo qui per studiare e ci piace giocare a calcio. Voglio diventare un calciatore», afferma.

Alla giornata mondiale dei rifugiati partecipan anche chi non vive in prima persona questa situazione. Ci sono anche due sorelle mauriziane che preferiscono non dire il loro nome - «ci vergogniamo», dicono - ma che non hanno problemi a raccontare di essere in Italia con un regolare permesso di soggiorno da circa un anno e di essere presenti alla giornata del rifugiato per solidarietà. Scopriamo che la più piccola è la fidanzata di Nasir. «Sono qui per lui», ammette. Sono arrivate per fare un po’ di vacanze e intanto cercare lavoro, «ma è difficile, e se per vacanza è bellissimo stare qui, per lavorare no». Si sono date un limite di tempo per non pesare troppo sulla famiglia: «Abbiamo deciso di stare ancora due o tre mesi, poi vedremo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews