Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Franco Battiato e il suo rapporto con la cittadina di Milo
«Con lui e Lucio Dalla organizzati eventi straordinari»

Paolo Sessa, sindaco dal 1998 al 2007, è stato tra i protagonisti di quella fortunata stagione etnea. Oggi racconta aneddoti e curiosità legati alla figura del cantautore. Compreso il primo incontro, avvenuto grazie a un'intervista per un giornalino della scuola

Dario Giuffrida

È morto nella sua casa di Milo: 1052 abitanti alle pendici dell'Etna e 700 metri d'altezza sul livello del mare. Una sorta di capitale degli artisti e della musica. Franco Battiato si era trasferito nel piccolo borgo da oltre trent'anni, trasformandolo in un buen retiro in cui riuscire a godere di una vita a misura d'uomo, lontano da riflettori e curiosi. La stesso stile di vita che ha portato sotto al vulcano il cantante bolognese Lucio DallaE oggi Milo è in lutto. A ricordare il maestro, ai microfoni di Sestarete, è uno dei protagonisti di quella straordinaria stagione: l'ex sindaco Paolo Sessa, primo cittadino dal 1998 al 2007. 

«L'esperienza che abbiamo avuto con Battiato è stata straordinaria - racconta Sessa - Io l'ho conosciuto trent'anni fa quando è venuto a vivere qui. Praticamente è diventato un nostro concittadino d'adozione e, insieme a Lucio Dalla, abbiamo organizzato eventi straordinari tra cui la rassegna estiva Musica Milo». Il cantautore viveva poco distante dal centro storico, nell'ex castello della famiglia Moncada. All'interno aveva realizzato anche un piccolo studio di registrazione. Oggi qualcuno ha lasciato due rose a ridosso del muro di cinta dell'abitazione. 

«Non gli abbiamo mai dato la cittadinanza onoraria perché lui era già un milese», continua Sessa. L'ex sindaco svela anche alcuni aneddoti legati alla figura di Battiato. Il primo incontro? «Grazie a mia figlia - spiega - Ci invitò a casa sua perché lei doveva fare un'intervista per il giornalino del liceo scientifico. Altra cosa che ricordo è stata una riunione che ho fatto insieme a lui e a Lucio Dalla per dare il nome a quella che poi è diventata Musica Milo. Quando ho pubblicato il mio volume, Il collezionista d'immagini, Battiato si è gentilmente prestato a curare l'introduzione». 

A ricordare l'artista è anche l'attuale sindaco Alfio Cosentino. «Battiato per noi, come per tutti, rappresenta una perdita importante - spiega -. Per questa comunità è stato un punto di riferimento dimostrando sempre grande umanità e generosità e sostenendo il cartellone estivo che si è potuto realizzare solo grazie al suo contributo». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×