Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Pallanuoto, vittoria schiacciante dell'Ekipe Orizzonte
«Abbiamo giocato bene e da squadra: così si vince»

La formazione etnea ha mostrato i muscoli contro la SIS Roma finendo con un 10-3. Così le catanesi si sono qualificate alle finali scudetto. «Le ragazze sono state perfette sotto ogni aspetto», ha commentato la coach Martina Miceli

Dario Giuffirida

Una prova di forza attesa e necessaria. L’Ekipe Orizzonte si regala la 26esima finale scudetto della sua storia annichilendo le rivali della SIS Roma, sovrastate dalla progressione delle rossazzurre, sempre in vantaggio e in pieno controllo della sfida dal primo all’ultimo minuto. Lo dimostra l’eloquente 10-3 finale, risultato dallo scarto più ampio negli otto scontri stagionali tra le due formazioni. L’Ekipe chiude la prima parte del match in vantaggio per 5-1, con la prima rete capitolina che arriva a un minuto e mezzo dal cambio vasca su una superiorità numerica sfruttata per le ospiti da Chiara Tabani

La gara è, però, un lungo monologo etneo e le ragazze di Martina Miceli allungano ancora, inesorabili, nel terzo tempo, con Barzon e Marletta, prima del secondo centro romano firmato da Domitilla Picozzi (7-2). E pazienza se Jelena Vukovic, durante la terza frazione, Arianna Garibotti e Giulia Viacava, nel mini-tempo finale, devono abbandonare in anticipo il match per il raggiunto limite falli. L’ultimo quarto vede, in ogni caso, le rossazzurre sugli scudi e a segno con Emmolo, Palmieri e Marletta, mentre la terza rete romana di Galardi ha il sapore di una resa incondizionata alla ritrovata ferocia agonistica delle campionesse d’Italia in carica. Una prestazione perfetta, come spiega la coach catanese a margine della sfida: «Oggi le ragazze sono state davvero molto brave, hanno giocato la partita che avevamo preparato. Sono state perfette sotto qualsiasi aspetto - aggiunge - sia sul piano dell’approccio che su quello della tenuta mentale. Hanno giocato da squadra e questo è stato il nostro punto di forza. Quando si è così bravi, alla fine, si vince». 

Le catanesi, adesso, volgono lo sguardo alle finali dove ritroveranno le rivali del Plebiscito Padova, che hanno ribaltato la propria serie di semifinale vincendo gara 2 e gara 3 contro il CSS Verona, dopo lo scivolone interno di una settimana fa. Il duello scudetto si disputerà al meglio delle cinque sfide con le prime due in programma in casa delle venete. La terza e l’eventuale quarta a Catania. L’eventuale quinta ancora a Padova.

QUESTO IL CALENDARIO COMPLETO DELLA FINALE
Gara 1: venerdì 28 maggio ore 18.30 Plebiscito Padova-L’Ekipe Orizzonte (Diretta Rai Sport Hd) 
Gara 2: domenica 30 maggio ore 16 Plebiscito Padova-L’Ekipe Orizzonte (Diretta Rai Sport Hd)
Gara 3: venerdì 4 giugno ore 20.15 L’Ekipe Orizzonte-Plebiscito Padova (Diretta Rai Sport Hd) 
Gara 4: domenica 6 giugno ore 16 L’Ekipe Orizzonte-Plebiscito Padova (Diretta Rai Sport Hd) 
Gara 5: mercoledì 9 giugno ore 19 Plebiscito Padova-L’Ekipe Orizzonte (Diretta Rai Sport Hd).

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×