Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La casa di Battiato sarà bene d'interesse culturale
Soprintendenza: «Tutela doverosa per il suo valore»

Su Villa Grazia è partito l'iter da parte della Regione che durerà 120 giorni. L'obiettivo per la Soprintendenza e per l'assessorato ai Beni culturali è quello di realizzare un museo della musica per ricordare la carriera dell'artista

Carmelo Lombardo

«Con questo vincolo, la casa di Battiato sarà un centro culturale, dove chi lo ha amato potrà riscoprire la sua arte». Alfio Cosentino esprime la sua soddisfazione a MeridioNews davanti alla possibilità che Villa Grazia venga dichiarata un bene d'interesse culturale da parte della Regione. Qui, alle pendici dell'Etna, nel cuore della comunità di Milo, Franco Battiato aveva deciso di trasferirsi dopo molti anni trascorsi lontano dalla sua terra natale. Tra locali circondati da un parco e uno studio dove l'artista siciliano, venuto a mancare lo scorso 19 maggio, componeva i propri brani. Sui giardini della villa etnea si affaccia anche la veranda dentro cui Battiato praticava la meditazione. Villa Grazia è stato il luogo in cui l'artista ha vissuto gli ultimi anni, circondato dall'affetto dei familiari. L'iscrizione dell'abitazione tra i beni di rilevanza culturale dovrebbe escludere la possibilità che il bene venga utilizzato dai privati per fini di vendita.

«Gli enti preposti, insieme alla città di Milo, faranno il possibile perché sia un vero e proprio punto di riferimento - continua Cosentino - Dobbiamo tanto a Battiato. La sua scelta di venire a vivere qui non è stata certo fatta per caso. Prossimamente, sempre in base alle nostre disponibilità, cercheremo di organizzare degli eventi. Ma ancora non c'è niente in programma». A sentire le parole del primo cittadino milese, quindi, sarà scongiurata qualsiasi messa in vendita di Villa Grazia: una possibilità che qualche anno fa, mentre l'artista era in convalescenza, in tanti avevano ipotizzato. Ma poi non ebbe seguito.

Adesso la Soprintendenza ha deciso di avviare l'iter per l'approvazione del vincolo che dichiarerà l'abitazione un bene di notevole interesse culturale. «La nostra funzione è quella di preservare e tutelare ciò che ha un valore storico, etnoantropologico e culturale perché ne resti memoria nel tempo - ha precisato la soprintendente Donatella Aprile - Oltre a essere un luogo simbolico, la casa di Battiato deve essere preservata, perché possa testimoniare la sua vita e diventare un luogo di riferimento, un museo della musica che ne possa mantenere la memoria». A fare eco ad Aprile è l'assessore ai Beni culturali Alberto Samonà. «Il vincolo culturale è un gesto di amore verso l'artista, ma anche di rispetto e di attenzione per quella che fu la sua dimora - dichiara l'assessore  - Villa Grazia è un luogo che invita alla riflessione, all'introspezione e alla ricerca della verità».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×