Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Allarme dell'Anci per difficoltà finanziarie dei Comuni
«Rischio di non garantire servizi essenziali ai cittadini»

«È arrivato il momento della mobilitazione», dice a MeridioNews Paolo Amenta, il vicepresidente dell'associazione nazionale dei Comuni all'indomani del consiglio regionale. «Chiediamo la modifica di strumenti normativi che regolano i bilanci»

Redazione

Foto di: Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

«Quasi tutti i Comuni della Sicilia sono in grave difficoltà finanziarie: è arrivato il momento di una concreta mobilitazione». Le parole del vicepresidente di Anci Sicilia Paolo Amenta sono rivolte alla Regione e al governo nazionale. Da ex sindaco di Canicattini Bagni (in provincia di Siracusa), Amenta conosce bene i disagi economici degli enti locali. Problemi e criticità che circa cento sindaci siciliani ieri hanno espresso durante un'assemblea dell'Anci - che si è svolta da remoto - in cui si sono discusse le richieste che i Comuni vogliono sottoporre alla Regione Siciliana e al governo guidato da Mario Draghi. Il punto sollevato dai sindaci è quello della difficoltà nella stesura dei bilanci di previsione, i cui termini di presentazione scadranno il prossimo 31 maggio.

«Con il federalismo che si è voluto attuare, i Comuni devono far fronte alle spese esclusivamente con la liquidità che proviene dai tributi dei cittadini - spiega Amenta a MeridioNews - Sappiamo benissimo, però, che dall'anno scorso, la situazione è più difficile: con la disoccupazione e i problemi economici generali, gli enti hanno avuto difficoltà a incassare. A questo si aggiungono i ritardi dei trasferimenti per gli enti locali da parte della Regione». Le criticità emerse dall'Associazione nazionale dei comuni siciliani sono state descritte in un documento del 25 maggio. Ieri, molti sindaci dell'Isola si sono confrontati sui problemi da esporre per non incorrere in situazioni di pre-dissesto: uno scenario che, negli ultimi tempi, si è già manifestato in tanti enti locali siciliani.

«Chiediamo di modificare gli strumenti normativi che regolano la stesura dei bilanci. Nello specifico, crediamo che bisogna cambiare il tasso d'incidenza del Fondo dei crediti di dubbia esigibilità - continua Amenta - Avevamo esposto questi problemi già due anni fa e adesso sta accadendo quello che avevamo previsto: gli enti locali sono in seria difficoltà economica». Nel Fondo per i crediti di dubbia esigibilità e nel fondo di garanzia va quella parte di spesa prevista che, nel corso del tempo, gli enti non sono riusciti a coprire con le proprie risorse. Estinguere questi debiti con altre voci di bilancio o con finanziamenti esterni, al momento, sembra impossibile. 

«Nella situazione attuale - sottolinea il vicepresidente dell'Anci - alcuni fondi sono bloccati da parte del governo Regionale. Questo determina la mancata approvazione dei bilanci e, di conseguenza, molti Comuni fanno ricorso alle banche, maturando tassi d'interesse altissimi che vanno a gravare ulteriormente sugli enti locali: il motivo per cui molti Comuni rischiano di non garantire anche i servizi essenziali per la collettività». Con l'incontro di ieri, Comuni chiedono un tavolo di concertazione con la Regione e gli enti locali dell'Isola per definire i necessari interventi finanziari da attuare. L'Anci Sicilia approverà una delibera in cui si spiegano le ragioni per cui non è possibile formulare i bilanci, che sarà poi inviata alla Corte dei Conti e agli organismi nazionali e regionali e sottoposta anche all'attenzione dei nove prefetti dell'Isola.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×