Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Catania, oggi nodo debito con il Comune di Mascalucia
Tema sarà affrontato in Consiglio comunale dalle 16.30

L'appuntamento sarà trasmesso in diretta da Sestarete Tv (canale 215 digitale terrestre). Sul tavolo la somma di 2,1 milioni di euro che la società rossazzurra vorrebbe dilazionare in almeno dieci anni

Antonio Costa

Una situazione sempre più delicata, con nuovi problemi che vengono allo scoperto con il passare dei giorni e fanno temere che gli sforzi fatti per portare il Calcio Catania ai nastri di partenza del prossimo campionato rischino di risultare vani. Sono le paure di tutto l’ambiente rossazzurro, già provato dalla recente rottura delle trattative per la cessione del club tra la Sigi e Joe Tacopina e da martedì scorso spettatore di una nuova vicenda spinosa, legata alla richiesta di sequestro conservativo ai danni del Catania e di alcuni amministratori per il fallimento della società che gestiva il centro sportivo di Torre del Grifo.

Ipotesi al momento in bilico con il giudice monocratico che ha fissato per il prossimo 5 luglio l'udienza di comparizione, per la valutazione, nel contraddittorio tra le parti, delle contrapposte tesi difensive. Una vicenda che non dovrebbe scalfire in alcun modo il percorso che porterà all’iscrizione della squadra in Serie C entro il termine perentorio del 28 giugno, ma che certamente scuote ulteriormente la serenità della proprietà del club, alle prese con le trattative con i nuovi possibili investitori che hanno mostrato interesse verso i colori rossazzurri, soprattutto il gruppo maltese e della compagnia aerea ungherese Wizz Air di cui si parla da settimane.

Intanto però le prossime ore diventano di fondamentale importanza per la rateizzazione del debito maturato dalla società rossazzurra con i creditori istituzionali. Se per arrivare a un’intesa definitiva con l’Agenzia delle entrate potrebbe ancora servire qualche giorno, oggi si dovrebbe chiudere una volta per tutte la questione con il Comune di Mascalucia, che vanta un credito di oltre 2,1 milioni di euro sul Calcio Catania. Proprio quella odierna sarà una giornata cruciale perché alle 16:30 si terrà il Consiglio comunale, che già in apertura darà spazio al tema dell’approvazione del nuovo regolamento che permetterà di dilazionare il debito della società rossazzurra in almeno dieci anni.

La seduta sarà trasmessa in diretta su Sestarete TV, sul canale 215 del digitale terrestre, che anche oggi dedicherà grande attenzione a uno dei temi più discussi e delicati per il futuro del club etneo. Un appuntamento determinante per le sorti del Calcio Catania, con la Sigi obbligata a continuare a lavorare in modo frenetico per abbassare il monte debitorio e scongiurare nuovamente il rischio di fallimento della società rossazzurra.

Aggiornamento delle ore 18.51:


La seduta di Consiglio comunale fissata per oggi è stata rinviata a domani, venerdì 4 giugno, alle ore 16.30, per mancanza del numero legale. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×