Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Uccise sorella che tradiva marito, arrestato figlio boss
Corpo venne ritrovato nel 1998 all'interno di un pozzo

Nunzia Alleruzzo scomparì dopo essere stata vista con il fratello Alessandro. Lo stesso che l'avrebbe ammazzata per «l'onore della famiglia». La donna avrebbe avuto una relazione con un uomo che, insieme ad altri, avrebbe ucciso la mamma della vittima

Redazione

Nel 1995 avrebbe ucciso la sorella, figlia di uno storico boss di un clan mafioso del Catanese legato Cosa nostra, perché tradiva il marito con esponenti del suo clan e di uno rivale. È l'accusa contestata ad Alessandro Alleruzzo, 47 anni, figlio del boss deceduto Giuseppe, destinatario di un ordine di custodia cautelare per l'omicidio della sorella, Nunzia. La donna era scomparsa di casa il 30 maggio del 1995. Quel giorno il figlio di 5 anni disse di averla vista uscire di casa con suo zio Alessandro. Secondo un collaboratore di giustizia lo stesso Alleruzzo gli avrebbe «raccontato di aver ucciso la propria sorella per riscattare l'onore della famiglia».

Alessandro Alleruzzo è il figlio del defunto boss Giuseppe che negli anni '70 e '80 guidava il gruppo di Paternò di Cosa nostra, al centro di sanguinose faide mafiose, legato alla famiglia Santapaola di Catania. È anche cugino di Santo Alleruzzo, 67 anni, noto come vipera, ritenuto il reggente del clan fino al suo ultimo arresto avvenuto nell'ambito della operazione Sotto scacco. Nell'ambito di guerre di mafia Giuseppe Alleruzzo subì il lutto dell'assassinio della moglie e del figlio e decise di collaborare con la giustizia. Il 25 marzo del 1998, militari del Nucleo operativo della compagnia di Paternò, dopo due telefonate anonime, trovarono in un pozzo dei resti di una donna, compreso un teschio con due fori causati da colpi di arma da fuoco. Erano quelli di Nunzia Alleruzzo

Dal carcere, Santo Alleruzzo avrebbe intimato a suo cugino Alessandro di «fare ritrovare il corpo della sorella per darle sepoltura». Le recenti dichiarazioni di tre collaboratori - Francesco Bonomo, Antonino Giuseppe Caliò e Orazio Farina - hanno permesso di ricostruire dinamica e movente del delitto. Nunzia Alleruzzo sarebbe stata assassinata dal fratello Alessandro perché la donna «aveva avuto numerose relazioni sentimentali con componenti del clan, abbandonando il marito». Calò ha detto anche di «avere appreso direttamente da Alessandro Alleruzzo» che era stato lui ad «avere ucciso la sorella, sporcandosi di sangue e terra per averla dovuta trascinare, per riscattare l'onore della famiglia». 

Il collaboratore Farina ha aggiunto che «tra gli amanti di Nunzia Alleruzzo c'era anche Giovanni Messina, componente del gruppo che aveva ucciso la madre della donna e che pensava di uccidere suo fratello Alessandro». Alla riapertura dell'inchiesta, all'inizio di quest'anno, la Dda ha disposto intercettazioni nella cella del carcere di Asti dove erano detenuti Messina e Salvatore Assinnata, che commentando articoli di stampa che riportavano la notizia delle indagini dei carabinieri affermavano: «Alessandro è il mandante…eh…ammazzau...».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×