Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Ospedale Caltagirone, i medici devono arrivare da fuori
Paga di 90 euro l'ora. Ma mancano anche gli infermieri

La convenzione è stata stipulata dall'Asp di Catania per sopperire alle carenze d'organico. A incidere è anche la ritrosia a operare in sede giudicate scomode, nella consapevolezza che l'offerta di posti di lavoro non manca

Redazione

Da una parte i disagi - patiti sopratutto dai pazienti - derivanti dall'avere pochi medici e infermieri a disposizione, dall'altra la consapevolezza che reperirli è più difficile di quanto si possa pensare. Covid e polemiche legate al ritorno dell'assessore Ruggero Razza a parte, la sanità in Sicilia continua a vivere tempi non semplici. Se ne accorgono quelli che devono ricorrere alle cure delle strutture pubbliche. Nelle ultime settimane l'attenzione è concentrata, complice anche le prossime elezioni amministrative, sull'ospedale di Caltagirone. A destare perplessità è stata la scelta dell'Asp di Catania di pagare 90 euro l'ora i medici provenienti da altre strutture sanitarie della Sicilia, per sopperire alle carenze d'organico. 

«Vale tanto per i medici quanto per gli infermieri, il personale ridotto non fa altro che abbassare i livelli dei servizi resi ai cittadini», denuncia Salvo Vaccaro di Nursind. Il sindacato da due settimane porta avanti un sit-in permanente per denunciare una situazione che si trascina da tempo. Spostando lo sguardo altrove, ci si accorge facilmente che le cose non vanno meglio. «Nelle strutture gestite dall'Asp di Catania mancano almeno 250 infermieri, e parliamo di una cifra che garantirebbe appena una reale autosufficienza ai singoli presidi sanitari», continua Vaccaro.

La soluzione al problema sembrerebbe scontata: assumere nuovo personale. Tuttavia, nel settore sanitario, soprattutto al Sud, la ricerca di lavoratori non è così semplice. L'Asp di Catania da tempo sottolinea come, sul fronte dei medici, a mancare siano le figure specializzate, specialmente nel ramo delle emergenze. Ciò fa sì che a presentarsi ai concorsi sia in genere un numero di candidati inferiore al numero di posti da occupare. A questo poi va aggiunta la ritrosia di molti ad andare a lavorare in sedi ritenute scomode, perché lontane o poco servite a livello di infrastrutture e trasporti. Il tutto con la consapevolezza che - data la generale alta domanda - per avere l'opportunità di lavorare nella struttura desiderata basta soltanto aspettare

Per quanto riguarda, invece, la ricerca degli infermieri, l'attesa è rivolta alla conclusione delle procedura di mobilità. La Regione Siciliana ha affidato alle Asp di Palermo e Catania il compito di coordinare le richieste di trasferimento nei bacini occidentale e orientale dell'isola. Completato l'esame delle domande, la palla passerà poi alle aziende sanitarie di provenienza dei lavoratori siciliani. Il cui rientro dipenderà dalla concessione del nulla osta. A rispondere all'avviso dell'Asp di Catania sono state diverse migliaia di professionisti, la speranza è che si riesca a rifornire in maniera sufficiente le piante organiche dei singoli ospedali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×