Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

L’Ekipe Orizzonte vince ai rigori e porta Padova a gara 5
Mercoledì in Veneto sarà una vera e propria finale scudetto

Alla Scuderi ancora un pareggio tra le due formazioni, con la serie per il tricolore che si prolunga all'ultimo scontro. Stavolta dopo le amarezze di gara 1 e gara 3, i tiri di rigore sorridono alla squadra allenata da Martina Miceli

Dario Giuffirida

Terzo pareggio, nei tempi regolamentari, tra le due formazioni. Le catanesi si giocheranno le proprie chance di titolo mercoledì, in casa delle venete. Si prolunga a gara 5 la serie scudetto tra Plebiscito Padova ed Ekipe Orizzonte. Nel pomeriggio le etnee hanno avuto la meglio sulle patavine imponendosi nella quarta sfida tra le due formazioni, andata in scena alla Scuderi di via Zurria. Decisivi, ancora una volta, i tiri di rigore, che dopo aver riservato solo amarezze in gara 1 e gara 3, stavolta premiano la squadra allenata da Martina Miceli.

Nei tempi regolamentari le due formazioni si fermano sul 6-6. Inizia meglio Padova, che colpisce dopo un minuto e mezzo con Queirolo. Ma la reazione delle catanesi è rabbiosa: Vukovic, Aiello e Viacava segnano pari, sorpasso e allungo. Ad inizio secondo quarto l’Orizzonte allarga ulteriormente il divario con Garibotti, dopo neanche un minuto di gioco. Da quel momento in poi le due formazioni si alterneranno a rete, con Padova che chiude la frazione con le segnature consecutive di Cocchiere e Ranalli, che fermano lo score sul 6-5 complessivo al cambio vasca.

Il terzo quarto è avaro di gol ed emozioni. Le due formazioni sprecano superiorità ed accusano, inevitabilmente, la stanchezza. Il 6-5 in favore delle etnee regge fino al terzo minuto dell’ultimo quarto, quando Ranalli mette a segno la terza rete personale ristabilendo la parità. A poco meno di due minuti dalla sirena finale Palmieri spreca il possibile 7-6 su un assist di Isabella Riccioli. L’ultimo sussulto è per le venete, che reclamano un tiro di rigore per un contatto tra Giulia Viacava e Agnese Cocchiere non ravvisato dall’arbitro.

Si va, ancora una volta, ai tiri di rigore, con gli errori di Ranalli e Millo che bruciano il “match point” tricolore per Padova, rimettendo in corsa le catanesi. La serie scudetto si concluderà a Padova, nella sfida senza appello di gara 5.

TABELLINO

EKIPE ORIZZONTE – PLEBISCITO PADOVA 10-8 d.t.r. (3-1; 3-4; 0-0; 0-1)

EKIPE ORIZZONTE: Gorlerlo, Ioannou 1; Garibotti 1; Viacava 1; Aiello 1; Barzon; Palmieri; Marletta; Emmolo;

Vukovic 1; Riccioli 1; Leone; Condorelli. Coach: Martina Miceli

PLEBISCITO PADOVA: Teani; M. Savioli; I. Savioli; Gottardo; Queirolo 1; Casson; Millo; Dario; Cocchiere 1;

Ranalli 3; Meggiato; Centanni 1; Giacon. Coach: Stefano Posterivo

Superiorità numeriche: Catania 2/12 e Padova 1/6 + un rigore. Uscite per limite di falli Dario, I. e M. Savioli

(P) nel quarto tempo. La partita si conlude in parità, 6-6. RIGORI: Barzon (C) gol, Queirolo (P) gol, Marletta

(C) gol, Centanni (P) gol, Palmieri (C) gol, Ranalli (P) traversa, Vukovic (C) gol, Millo (P) palo.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×