Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Rifiuti, Dusty impugna il bando della gara a Catania
«Chiesta sospensione». Il nodo dei costi di trasporto

La ditta che attualmente ha in carico la gestione nel capoluogo etneo ha deciso di non presentare le offerte per la gara settennale. A far desistere l'azienda una serie di note che la Srr - la stazione appaltante - ha inviato ai partecipanti

Carmelo Lombardo

La Dusty si rivolgerà al tribunale amministrativo regionale di Catania. La ditta che attualmente si occupa di raccogliere i rifiuti a Catania aveva fatto notare la sua assenza durante le prime offerte formulate lo scorso 10 maggio in occasione del nuovo appalto settennale per stabilire chi si occuperà di gestire i rifiuti nel capoluogo etneo. A proporre le loro offerte per la maxi gara da 334 milioni di euro sono state le imprese Ecocar e SuperEco. «Alcune condizioni ci hanno convinti della assoluta insostenibilità economica e operativa di questo capitolato - afferma l'amministratrice Rossella Pezzino de Geronimo -. Il risultato finale in ordine al numero delle ditte partecipanti, appena due, e la mancanza di offerte per il lotto più importante, conferma l’opportunità delle nostre valutazioni negative che ci hanno impedito la partecipazione». 

Le offerte finora presentate dalle due ditte riguardano la raccolta dei rifiuti a Catania Nord. Mentre per la parte Sud del capoluogo etneo è stata solamente Ecocar a farsi avanti. A rimanere scoperta è stata la parte più importante della città, quella centrale, con 96mila famiglie residenti: quasi la metà del tessuto cittadino. Il motivo che ha spinto la Dusty a non partecipare è legato ai costi di trasporto dei rifiuti fino al luogo del conferimento. Allo stato attuale gli impianti della Sicilia orientale sono quasi tutti saturi, di alcuni se ne prevede la chiusura, tanto da fare avanzare anche le possibilità che l'immondizia possa essere portata negli impianti fuori dalla Sicilia o, addirittura, all'estero. Questo comporta una maggiorazione dei costi per le ditte, che devono fare i conti con le spese per il trasporto. La Società per la regolamentazione del servizio di gestione rifiuti (Srr) prima dell'istituzione della gara, il 12 aprile, aveva comunicato che «qualora i predetti impianti dovessero cambiare registrando un sensibile incremento della distanza, verranno riconosciuti all'aggiudicataria i maggiori oneri dovuti». Salvo poi inviare una seconda nota di chiarimento il 23 aprile, in cui l'Srr specifica che «nulla è dovuto alla società aggiudicatrice, anche se nel caso in cui il nuovi impianto di conferimento dovesse trovarsi più distante». 

Un cambio di passo, secondo la Dusty, che di fatto non comporterebbe nessun indennizzo a favore delle ditte sul trasporto dei rifiuti. Così la ditta decide di ritirarsi dall'appalto e rivolgersi al Tar. «In Sicilia siamo arrivati alla quasi saturazione degli impianti - spiega l'avvocato Nino Barreca, legale della società - Questo quasi sicuramente potrebbe spingere le aziende a lunghi tragitti per andare a conferire i rifiuti in Calabria o in Puglia o, addirittura, all'estero. L'Srr ha comunicato, rimangiandosi tutto, che le ditte devono sopportare i costi». Il ricorso della Dusty per chiedere la sospensione dell'appalto viene presentato il 17 maggio. «Ci è stato detto che la nostra decisione è stata presentata in ritardo. Noi avevamo già dall'inizio pensato di fare ricorso - continua Barreca - Poi il 12 di aprile ci viene comunicato che erano previsti gli indennizzi, quindi abbiamo ritirato il ricorso. Ma, l'ulteriore nota del 23 aprile, ha spinto la ditta a impugnare la questione». Adesso la Dusty attraverso il legale chiede la sospensione della gara. «Il 9 giugno si deciderà sulla sospensione della gara d'appalto - conclude Barreca - Poi ci sarà l'udienza di merito il 7 luglio, dove si deciderà se la gara sarà annullata o meno».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×