Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

La cenere vulcanica sarà usata in edilizia e agricoltura
L'esperto: «L'obiettivo è sfruttarla a chilometro zero»

La sabbia dell'Etna non sarà più un rifiuto. Il punto è stato inserito nel piano del governo, sulla base di studi portati avanti da Unict. «Occorrono norme attuative», afferma il docente di Ingegneria Paolo Roccaro. Non manca anche qualche parere più critico

Carmelo Lombardo

La cenere vulcanica non sarà più considerata un rifiuto. La novità compare nel decreto Semplificazioni del 31 maggio, all'interno del piano di rilancio e resilienza del governo. Un passo importante per tutti quei Comuni che, dopo le ripetute eruzioni dell'Etna dei mesi scorsi, hanno alzato il loro grido d'allarme davanti agli altissimi costi di conferimento in discarica della sabbia nera. Tanto da chiedere pure lo stato di emergenza.

La cenere, nel giro di poco tempo, ha più volte coperto tutti i Comuni alle pendici del vulcano, interessando particolarmente Giarre, Santa Venerina, Milo e Sant'Alfio. Tra febbraio e marzo, in alcune zone, è caduta una quantità talmente elevata da far raggiungere anche i sei chili di cenere a metro quadrato. La proposta di eliminare la sabbia dell'Etna dall'elenco dei rifiuti e poterla riutilizzare è inserita al comma 1 dell'articolo 35, in cui si legge che le ceneri vulcaniche possono essere «riutilizzate in sostituzione di materie prime all'interno di cicli produttivi che non danneggiano l'ambiente né mettono in pericolo la salute umana».

L'idea, che è arrivata dai banchi del Senato del Movimento 5 stelle, ha visto tra i promotori il parlamentare giarrese Cristiano Anastasi. «Dopo avere assistito ai disagi a cui devono far fronte i Comuni etnei, mi sono confrontato con il Mite (Ministero della Transizione ecologica) e abbiamo cominciato a capire se c'erano i margini per intervenire sul codice dell'ambiente - afferma Anastasi a MeridioNews - Dopo alcuni studi dell'Università di Catania, ho deciso di rivolgermi ai docenti che in questi anni hanno approfondito l'argomento». Stando a quanto emerso finora, la cenere può essere facilmente mescolata ad altri materiali e ridurre i costi di lavoro

Adesso, si attendono dei regolamenti per capire in che modo verrà stoccata la sabbia dai Comuni. «I costi di conferimento in discarica finora sono a carico dei cittadini - continua Anastasi - Stiamo iniziando a lavorare sui regolamenti. I Comuni dopo averla accumulata in dei punti di stoccaggio, dovranno pulirla e, infine, potranno immetterla sul mercato. Si cercherà di sfruttare la cenere a chilometro zero - aggiunge - perché i lunghi trasporti ridurrebbero la sostenibilità dell'iniziativa. L'obiettivo primario è quello di non intasare ulteriormente le discariche e abbattere i costi per le amministrazioni. E, soprattutto, non lasciarla per strada, dove può costituire un rischio per la salute dei cittadini». Anastasi si aspetta un intervento anche da parte della Regione e della protezione civile, affinché possano collaborare a regolamentare l'iniziativa. 

«La cenere vulcanica è un materiale molto utile, visto che è possibile utilizzarla per produrre intonaci e malte isolanti. Dalle ricerche condotte - spiega a MeridioNews Paolo Roccaro, docente di Ingegneria di Unict che è tra i promotori del progetto Reucet, Recupero e utilizzo delle ceneri vulcaniche etnee - abbiamo capito che ha delle caratteristiche diverse dall'azolo (un particolare tipo di sabbia grigio-nera tipico dell'area dell'Etna, ndr), che si presta molto bene come sabbia per le sue caratteristiche meccaniche. La cenere, grazie alla sua porosità, può essere utilizzata sui laterizi come il cotto siciliano perché ne migliora la lavorabilità. Inoltre, è possibile usarla nei sottofondi stradali: in questo caso, la cenere deve essere stabilizzata con l'aggiunta del cemento in modo da renderla idonea a sopportare i carichi - aggiunge Roccaro - Attraverso dei processi, la sabbia vulcanica si può anche trasformare in materiale che può essere sfruttato per il disinquinamento della acque e dell'aria».

Sono diversi gli esperimenti fatti negli ultimi due anni, dove «abbiamo dimostrato che può essere utilizzata nell'ambito dell'ingegneria civile e ambientale, con la produzione di malte, intonaci e mattonelle - osserva Roccaro - Si può anche utilizzare per il recupero di aree degradate come le ex cave. Risultati ottenuti grazie a un rapporto interdisciplinare, che ha visto la collaborazione di diversi docenti e dei Comuni di Giarre, Riposto e Santa Venerina, che ci hanno fornito dei dati su cui lavorare. Infine, i risultati ottenuti sono stati divulgati ai soggetti interessati. Un grande passo in avanti è stato fatto ma adesso occorrono le norme attuative». Per la facoltà di Agraria, è stato il professore Salvatore Luciano Cosentino a condurre gli studi sui possibili usi della sabbia dell'Etna in ambito agricolo. «Può essere efficace come correttivo in quei terreni eccessivamente argillosi - specifica l'esperto - Quando è caduta ha fatto parecchi danni alle piante verdi, ma immessa nel terreno non fa male. Molte piantagioni del nostro territorio - sottolinea - nascono già su terreni lavici. Abbiamo iniziato a fare degli studi sulle coltivazioni della vite e delle patate e rispondono bene».

Ma tra i pareri positivi non mancano le perplessità. Come quelle avanzate da Corrado Vigo. Per l'agronomo e consulente tecnico d'ufficio del tribunale di Catania, la novità contenuta nel piano di rilancio è sicuramente positiva. Tuttavia, secondo Vigo, per regolare i terreni argillosi sarebbe necessario tanto materiale. «Vedremo quanti Comuni o privati la utilizzeranno - fa notare - Se ho un terreno argilloso devo innalzare il terreno di almeno 70 centimetri, mescolare il tutto e poi coltivare: quanto mi costa? Per i piccoli appezzamenti di terreno sarebbe eccessivo. Significato diverso, invece - continua - per i vivai dove in molti mescolano la sabbia al terriccio. Parliamo di coltivazioni più estese dove si potrebbe mescolare col terriccio e in molti già lo fanno».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×