Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Piazza Europa presa d'assalto da motorini e inciviltà
«Servono i paletti all'ingresso ma anche i controlli»

Le associazioni cittadine, compreso il circolo Legambiente, avevano tentato di valorizzare il luogo con la piantumazione di essenze e la pulizia del piazzale. «Alle nostre iniziative, le istituzioni non hanno dato seguito», afferma Viola Sorbello. Guarda il video

Carmelo Lombardo

Motorini che scorrazzano liberamente tra le aiuole e gli arredi urbani distrutti. Si presenta così piazza Europa, teatro di gimkane, con mezzi a due ruote che sfrecciano nonostante il luogo sarebbe destinato a coloro che vogliono trascorrere un momento di relax. Tuttavia, nonostante i buoni propositi dell'amministrazione comunale accompagnati dagli annunci sulla sensibilizzazione al verde, la piazza sembra essere terra di nessuno. Almeno stando ai video che in queste ore girano sui social. A denunciare quanto sta accadendo è anche il circolo Legambiente Catania, che lo scorso anno, insieme al Comune e ad altre associazioni etnee, aveva provato a ridare vita agli spazi verdi della piazza.

«Alla fine del 2020, nell'ambito del progetto denominato 100 alberi per Catania, era in corso un progetto di rigenerazione urbana che coinvolgeva i residenti della zona per accendere i riflettori sulle criticità di piazza Europa - afferma a MeridioNews la presidente Viola Sorbello - insieme a noi anche altre associazioni tra cui il Rotary e l' associazione guide turistiche catanesi, oltre all'entusiasmo dei volontari. Adesso ci spiace notare come sia mancato il seguito da parte delle istituzioni». Durante le iniziative dello scorso anno promosse da Legambiente i partecipanti avevano piantato diverse varietà di piante fiorite, che però sono state erroneamente asportate da parte della ditta che si occupa della manutenzione del verde della piazza.

«Noi avevamo lanciato un segnale che voleva essere da stimolo per le istituzioni, ma stiamo notando che non c'è stato, visto che attualmente pare non ci sia alcun controllo da parte delle istituzioni - continua Sorbello - Ci chiediamo dove siano gli enti competenti, dopo che avevamo intrapreso l'iniziativa in sintonia con l'ufficio del Verde del Comune». La proposta dell'attivista è quella di installare dei paletti in modo da non permettere l'ingresso dei motorini nella piazza. «Si potrebbero anche iniziare a fare delle multe e, quindi, fare in modo che ci sia un controllo più massiccio da parte dei vigili urbani - conclude l'attivista - Noi abbiamo provato a dare inizio a un percorso, cercando di far capire che i luoghi sono di tutti, ma se manca il ruolo di chi deve portarlo avanti è come disfare quanto abbiamo fatto».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×