Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Un siciliano d'adozione alla guida del Copasir
Sul senatore Urso convergono Fdi, M5s e Pd

Nato in Veneto da genitori acesi, Adolfo Urso è cresciuto in provincia di Catania per poi trasferirsi a Roma. La sua è una carriera legata alla destra, tra Alleanza nazionale e Fratelli d'Italia. Di recente la polemica con il leghista Raffaele Volpi

Redazione

Sarà un siciliano d'adozione a presiedere il Copasir, dopo le dimissioni del leghista Raffaele Volpi. A essere eletto con i voti di tutti i partiti, a eccezione della Lega che ha disertato la seduta, è stato Adolfo Urso. Sette le preferenze incassate da Urso, che andrà così a guidare l'organo di controllo dei servizi segreti italiani di cui dall'estate del 2018 è stato vicepresidente, per poi entrare in contrasto con lo stesso Volpi nel momento in cui quest'ultimo non si era dimesso con la nascita del governo Draghi.

Nato a Padova nel 1957 da genitori di Acireale, Urso ha studiato in provincia di Catania per poi trasferirsi a Roma. Nella sua carriera politica ci sono sei legislature da parlamentare nazionale nelle file del centrodestra. Prima con Alleanza nazionale, poi con Fratelli d'Italia. Attualmente è senatore. 

A votare per la sua elezione oltre a Fratelli d'Italia, sono stati il Movimento 5 stelle, il Pd e Italia Viva. La Lega ha deciso di disertare la seduta polemizzando con la mancata dimissione generale dell'intero comitato. La prassi vuole che al Copasir vada un esponente dell'opposizione, situazione che era venuta meno con il ritorno al governo del partito di Matteo r, in seguito alla formazione dell'attuale governo Draghi.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×