Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Le catanesi campionesse italiane di danza classica
Adesso ad attenderle sarà il palcoscenico mondiale

Le quindicenni Giulia Puglisi ed Elisa Cappellano calcheranno le scene internazionali, dopo che in primavera hanno trionfato in ambito nazionale. «Grazie all’agonismo abbiamo vissuto di nuovo momenti di normalità», raccontano a Meridionews. Guarda le foto

Antonia Maria Arrabito

Riccione 2021, zona rossa, ma non per la danza. Nonostante la pandemia da Covid non si arresti, le luci si riaccendono. Distanziate e munite di mascherine ci sono anche due giovani promesse catanesi: Giulia Puglisi ed Elisa Cappellano, che insieme danzano sulle punte il pezzo di repertorio Il pizzicato di Sylvia e vincono nel duo classico, andando di diritto ai prossimi campionati del mondo, la cui destinazione è ancora da stabilire a causa del permanere della pandemia. Danza moderna, classica e tip-tap. Non si fanno mancare niente le due giovani della scuola di danza Lidia Patti, che frequentano dall’età di tre anni. Scuola, compiti, danza: questa la routine giornaliera delle due quindicenni iscritte al liceo linguistico, interrotta prima dalla pandemia e ripristinata poi dalla partecipazione ai campionati nazionali, che ha consentito loro di tornare in sala come danzatrici agoniste.

«È stato un modo – racconta Elisa - per staccare da questa situazione e vivere la normalità che manca. In qualche modo abbiamo voluto fuggire. Si è trattato della mia prima partecipazione ad una competizione nazionale. Certo c’è stata anche un po' di ansia, ma è normale. Ho vissuto una grande emozione: non avevo mai visto tanti ballerini insieme provenienti da tutta Italia». A differenza di Giulia, nel 2019 seconda nell’assolo di danza classica agli stessi campionati, dove a premiarla è stata l’etoile Carla Fracci, recentemente scomparsa. «È la regina della danza - afferma Giulia - In quell’occasione mi ha toccato affettuosamente le guance e poi mi ha sorriso». Alla gioia di danzare se n’è aggiunta un’altra: toccarsi. Il pizzicato di Sylvia, infatti, si porta in scena senza che le danzatrici stacchino mai le proprie mani da quelle dell’altra. 

«Ballandosi con le mani allacciate – spiega la maestra Lidia Patti, costantemente al loro fianco - ci vuole una sincronia perfetta e credo che proprio questo sia stato notato e premiato dalla giuria. È stata un’emozione ancora più grande prepararle a toccarsi, tornando di nuovo in sala a una normalità che mancava da troppo tempo, dopo lo spettacolo svanito lo scorso anno insieme a tutte le gare». Elisa e Giulia si sono fatte notare anche in altre discipline, arrivando seste nel duo di stile jazz e conquistando il quinto posto per l’assolo di classico; dopo essersi confrontate con più di sessanta persone per categoria, provenienti da tutta Italia.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×