Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

A piazza Lanza i volti dell'antimafia
Addiopizzo: «Ricordare per cambiare»

Volti e nomi contro la mafia lungo la cinta del carcere cittadino e, non a caso, di fronte una scuola. E' l'opera realizzata dall'associazione antiracket etnea che questa mattina ha inaugurato, alla presenza dei familiari delle vittime, un murale che raffigura Paolo Borsellino, Alfredo Agosta, Pippo Fava, Beppe Montana, Libero Grassi, Giovanni Lizzio, Luigi Bodenza e Serafino Famà. Guarda le foto

Federica Motta

Riconoscere l'importanza della memoria come primo passo nella lotta alla mafia. E' questo il messaggio lanciato dai ragazzi di AddioPizzo Catania con il progetto Un muro contro la mafia, iniziato un anno fa con le raffigurazioni del giudice Falcone e Borsellino realizzate lungo l'asse della circonvallazione etnea e conclusosi oggi con l'inaugurazione del murale sulla parete del carcere di Piazza Lanza con i volti di Alfredo Agosta, Pippo Fava, Beppe Montana, Libero Grassi, Giovanni Lizzio, Luigi Bodenza e Serafino Famà «per far sì che tutti conoscano la storia di queste persone e che al ricordo segua anche il cambiamento», spiega Salvatore Grosso dell'associazione.

«Cambiamento che deve partire da ognuno di noi», interviene Dario Montana, fratello di Beppe Montana, commissario di polizia ucciso da Cosa Nostra nel 1985. «Le storie che quei volti rappresentano non sono vicine solo a noi familiari. Siamo tutti legati nella voglia di cambiare questo pezzo di mondo in cui viviamo. Ognuno col suo ruolo, dalle istituzioni ai singoli cittadini».

«Quelli che oggi ricordiamo sono persone che hanno solo scelto di fare con rigoroso spirito etico il loro lavoro», dichiara Elena Fava, figlia di Giuseppe Fava, giornalista ucciso a Catania 29 anni fa. «Non serve fare grandi battaglie ma avere il coraggio di andare avanti a schiena dritta, sempre», continua. «Purtroppo Catania è una città con la memoria corta. Sempre protesa al futuro ma che non sa guardare al proprio passato. Questo murale è imporante perché rappresenta la memoria, ma anche il pungolo per il luogo in cui è stato realizzato - dice Elena - Pensiamo a quanti sono oltre quel muro, in carcere, e alla possibilità di un loro recupero. E ai ragazzi della scuola di fronte a quel muro (la scuola media Maiorana, ndr) a cui va ricordato che la mafia non è solo un concetto, ma qualcosa di materiale che si manifesta quando manca la capacità di riflettere, ribellarsi e denunciare».

 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×