Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Appalto Rifiuti, Tar rigetta ricorsi urgenti di due società
Dusty ed Ecolandia chiedevano annullamento e proroga

Sotto la lente d'ingrandimento le «inique condizioni» che avrebbero impedito una massiccia partecipazione a uno degli appalti più controversi da affidare in città. Occhi puntati sul costo per il conferimento dell'immondizia in discarica

Redazione

La terza sezione del tribunale amministrativo regionale di Catania ha rigettato, con due ordinanze cautelari, i ricorsi che erano stati presentati dalla Dusty e dalla Ecolandia contro la gara d'appalto per l'affidamento del servizio di raccolta e trasporto dei rifiuti nel capoluogo etneo. Per la posizione di Ecolandia, che chiedeva la riapertura della proroga dei termini del bando, è stata già fissata anche l'udienza pubblica per il prossimo 15 luglio. Per quella sul ricorso della Dusty, che ha chiesto l'annullamento del bando, non è stata ancora fissata la data dell'udienza pubblica. 

Nel ricorso la Dusty parlava di «inique condizioni» del bando che «hanno impedito quell'ampia partecipazione concorrenziale che Catania certamente merita, nell'affidamento di un così rilevante servizio. Il contenzioso è centrato sul costo del trasporto per il conferimento in discarica dei rifiuti raccolti, che è «totalmente a carico della società vincitrice». «Caricare esclusivamente sulla ditta affidataria i maggiori costi di trasporto, qualunque sia la maggiore distanza dell'impianto finale di conferimento - ha sostenuto Dusty - ha reso con ogni evidenza totalmente antieconomico lo svolgimento del servizio, e ciò spiega sia le ragioni per cui nessuna seria impresa ha ritenuto di poter formulare un'offerta per il lotto più importante, Catania centro, sia le ragioni del contenzioso, che riguarda infatti la totale indeterminatezza dei costi del trasporto, e quindi la nullità del bando di gara».

Sulla decisione dei giudici amministrativi di Catania è intervenuto, con una nota, uno dei legali della Dusty, l'avvocato Lino Barreca, affermando che «il Tar ha respinto la richiesta di sospensiva evidenziando che il merito è fissato per il 7 luglio 2021. Nessuna valutazione - sottolinea l'avvocato - vi è stata sul fumus del ricorso, e quindi non è stata rinvenuta quella manifesta inammissibilità per tardività eccepita dalle controparti, che a nostro avviso si pone in contrasto col principio di legittimo affidamento, poiché è stato proprio il comportamento della Srr col doppio chiarimento sui costi del trasporto a disorientare la ricorrente. L'ordinanza suggerirebbe quindi - sottolinea il legale - estrema cautela nel procedere senza attendere la decisione del Tar, ma vedremo quali saranno le decisioni dell'amministrazione, fermo restando che ove si proceda con l'aggiudicazione sarà necessario procedere ad ulteriori impugnazioni». 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×