Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Le richieste degli apicoltori siciliani alla Regione
«Non solo fondi, ma pure più cura dell'ambiente»

Sei associazioni di categoria si sono unite per sottoscrivere un documento indirizzato all'assessore Toni Scilla. Oltre alla possibilità di attingere alle risorse per lo sviluppo rurale, «è fondamentare prestare attenzione agli ambienti naturali», spiegano a MeridioNews

Carmelo Lombardo

Foto di: oldiefan

Foto di: oldiefan

Sei associazioni di categoria della Sicilia unite per chiedere misure di sostegno per gli apicoltori e per preservare le api. La specie è di fondamentale importanza per garantire la biodiversità e le varietà di fiori e piante attraverso i processi di impollinazione. Tuttavia, col tempo, si assiste sempre di più alla moria delle api, con la categoria di apicoltori che prova ad alzare il grido d'allarme. Così Cia, Apac, Aras, Fai, Ape nera sicula e Unicoop, associazioni di categoria che operano in Sicilia si sono unite per formalizzare delle richieste alla Regione. Di fronte a una produzione di miele quasi azzerata, tanto da costringere gli apicoltori a ricorrere a sistemi artificiali per alimentare le api.

Ieri, le sigle di categoria hanno sottoscritto un documento congiunto in cui chiedono all'assessorato regionale con a capo Toni Scilla e il dirigente Dario Caltabellotta interventi rivolti all'ambiente, in modo da proteggere la specie. E sostegni economici per le piccole e medie aziende produttrici di miele, un sistema che in Sicilia conta circa duemila aziende. Mentre l'apicoltura dell'isola è al primo posto - tra i 90 e 120mila sciami - forniti per l'impollinazione delle serre, che è utile allo sviluppo delle piante. Quest'anno, a causa dei cambiamenti climatici è saltata la prima produzione di miele - miele di zagara, millefiori primaverile e sulla. Ad aggiungersi ai fattori negativi è l'uso sempre più diffuso di diserbanti che contribuiscono alla moria delle specie e delle essenze vegetali. Proprio per questo, il documento sottoscritto dalle associazioni, getta uno sguardo importante verso gli agricoltori

«Siamo convinti che apicoltori e agricoltori debbano camminare insieme: l'apicoltura ha un ruolo fondamentale per lo sviluppo delle essenze, senza l'impollinazione non nascono i frutti - spiega Nicolò Lo Piccolo a MeridioNews - All'incontro di oggi ha partecipato la Cia (Confederazione Nazionale agricoltori) perché pensiamo a una collaborazione che faccia bene a tutto il comparto. L'obiettivo è salvare la nostra agricoltura. E non lo si può fare senza preservare le api: bisogna salvare le api dalla fame. Il miele d'arancio non si è riuscito a raccogliere per gli eccessivi sbalzi termici o perché sulla fioritura piove o cade sabbia». Lo Piccolo è un apicoltore di Caltagirone. Ieri era presente all'incontro insieme agli addetti ai lavori. Per l'occasione hanno partecipato anche i sindaci di Milo, Zafferana e Trecastagni.

«Chiederemo al governo regionale attraverso delle pec dei sostegni a breve e lungo termine - continua Lo Piccolo - Molti pensano che fare gli apicoltori sia un hobby. La nostra categoria non è stata mai concretamente sostenuta economicamente, non considerando che l'apicoltore, oltre a svolgere la propria attività, è un protettore delle api». Adesso, per salvare il settore, le associazioni di categoria chiedono di poter attingere dai fondi per lo sviluppo rurale o dai piani agricoli europei, proprio come avviene per il settore agricolo. Inoltre cercheranno di sensibilizzare l'assessorato alla Salute affinché si prendano misure necessarie per proteggere le piante e, quindi, le api da eventuali minacce: in particolare un'attenzione verso il patrimonio forestale, del pascolo delle api, sia riguardo la gestione dei boschi, sia riguardo a specifici parassiti, come il cinipide del castagno o la psilla dell'eucalipto.

Come misure a breve termine, gli apicoltori chiedeno un esonero di alcuni contributi Inps. «Abbiamo già preparato le richieste da girare alla Regione: non chiediamo solo assistenza, ma anche una maggiore attenzione verso gli ambienti naturali, perché la situazione verso uno spopolamento delle api si fa sempre più critica - conclude Lo Piccolo - L'accordo che abbiamo costituito è aperto a tutti. Siamo ben felici di accogliere anche altre associazioni di categoria, agricoltori compresi, sensibili alle nostre richieste».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×