Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Sangue e mafia, cosa c'è dietro l'ascesa di Natalino Nizza
Fedeltà allo zio, droga e l'ordine di uccidere Enzo Timonieri

Il 25enne ha cominciato spacciando. Poi il lavoro da postino per il parente latitante, «un leone che sta zitto al 41bis». In mezzo, gli incontri con i trafficanti albanesi. Il profilo del rampollo cresciuto all'ombra del gruppo che ha scalato il clan Santapaola-Ercolano

Dario De Luca

Voleva fare il barbiere Natalino Nizza. Prima di finire nei guai con la giustizia, si era iscritto pure a una scuola di formazione professionale. Presto, però, ha abbandonato pettini, gel e forbici per cominciare a maneggiare tanta droga e una montagna di soldi nel pieno solco di una consolidata eredità familiare. Per i magistrati, il 25enne sarebbe il mandante dell'omicidio del coetaneo Enzo Timonieri, il cui corpo è stato ritrovato grazie al fondamentale contributo di due fratelli: Michael e Antonio Sanfilippo. Entrambi, da collaboratori di giustizia, si sono autoaccusati del delitto e hanno anche indicato agli inquirenti il presunto organizzatore - Sam Privitera - e il mandante, Natalino Nizza. Dietro il delitto, portato a termine a metà febbraio e con il corpo ritrovato sottoterra soltanto quattro mesi dopo, ci sarebbe stato il piano di sottrarre alla vittima un canale autonomo di approvvigionamento della droga

Sia Timonieri che i fratelli Sanfillipo orbitavano nel clan Nizza. Ed è proprio questa fratellanza criminale a non avere insospettito la vittima quando, il 12 febbraio scorso, gli viene chiesto di andare insieme a prendere delle armi. Il viaggio con una macchina rubata coincide con l'esecuzione di Timonieri, colpito da tre proiettili alla nuca mentre il gruppo si spostava verso la periferia sud di Catania. Subito dopo, il cadavere viene seppellito in una buca ricoperta con la sabbia. La stessa che i killer hanno indicato ai carabinieri rendendo possibile il ritrovamento dei resti del corpo ormai in decomposizione

Il primo arresto di Natalino Nizza risale al 2017. L'allora 19enne venne beccato mentre spacciava droga in via Stella Polare. Dopo una perquisizione, i carabinieri gli trovarono in tasca 690 euro. Spiccioli rispetto ai 29mila euro in contati recuperati quando è scattato l'ultimo fermo. Nizza appartiene a una dinastia familiare che, nell'ultimo decennio, è stata capace di scalare i vertici di Cosa nostra a Catania. Da perfetti sconosciuti al ruolo di primo piano all'interno dei Santapaola e nei quartieri Librino, San Cristoforo e San Giovanni Galermo. Un percorso cominciato dagli zii di Natalino: Daniele e Fabrizio, nel 2008 entrambi formalmente affiliati come uomini d'onore con l'arcaico rito della pungiutaPer Fabrizio Nizza, però, la carriera mafiosa si è interrotta qualche anno dopo con la scelta di diventare collaboratore di giustizia

Sono invece rimasti al loro posto gli altri fratelli, SalvatoreGiovanni - detto Banana -  e Andrea. Questi ultimi, papà e zio di Natalino Nizza. Il rapporto tra il rampollo e Andrea Nizza è emerso nei documenti dell'operazione Carthago 2 del 2017. Insieme a Privitera si sarebbero occupati di gestire i pizzini per lo zio che, all'epoca dei fatti, era latitante.  Due anni e un mese da introvabile prima dell'arresto in una villetta nel territorio di Viagrande. Nonostante le manette e il carcere duro, Natalino Nizza non ha mai dimenticato lo zio detenuto. Rimarcandone il rapporto sia con alcune foto, che oggi MeridioNews pubblica in esclusiva, ma anche tramite dei post sui social. In uno di questi scriveva: «Non parlate assai che mio zio è al 41bis zitto, zitto. È un leone». 

La storia recente di Natalino Nizza rimanda, invece, a un suo presunto coinvolgimento nel traffico di droga. Nelle carte dell'inchiesta Cocorito gli inquirenti hanno ricostruito, attraverso alcune intercettazioni, l'amicizia tra il giovane e il narcotrafficante albanese Moisi Habilaj. Un legame nato all'interno del carcere di Bicocca durante un periodo di comune detenzione. Messo ai domiciliari, Nizza avrebbe anche incontrato due emissari balcanici della droga

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×