Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Iblis, la mafia etnea a Trapani e Agrigento
Gli affari con Eurospin e i parchi eolici

Continua la testimonianza del maggiore dei Carabinieri Lucio Arcidiacono che ripercorre tutte le tappe dell'indagine oggi diventata processo sulle presunte collusioni tra politica, mafia e imprenditoria nel Catanese. Dopo i racconti dei contatti tra Cosa nostra occidentale e Palermo ed Enna, in aula continua a prendere forma la geografia criminale dell'isola, attraverso appalti e uomini chiave, non solo locali, dal 2004 a oggi

Claudia Campese

Sembra una cavalcata la seconda parte della testimonianza del maggiore dei Carabinieri etnei Lucio Arcidiacono al processo Iblis sulle presunte collusioni tra politica, mafia e imprenditoria. Il militare del reparto operativo speciale snocciola in scioltezza - come suo solito - nomi, eventi e date. Ma all'udienza di oggi passa anche da un argomento all'altro, seguendo il ritmo incalzante delle domande dei pubblici ministeri Agata Santonocito e Antonino Fanara. Una lunga lista di argomenti già trattati ma sempre in cerca di conferme, in un procedimento che si dirige verso le sue fasi finali. Dai rapporti di Cosa Nostra etnea con le famiglie di Agrigento e Trapani, alle presunte estorsioni subite e raccontate dai numerosi altri testimoni del processo, il resoconto delle indagini coordinate da Arcidiacono riempie un'altra mattinata.

A riprova dell'attività del ramo imprenditoriale della mafia etnea anche in altre province, il maggiore dei Carabinieri racconta della vicenda Eurospin. E di come la fioritura di punti vendita del noto supermercato low-cost in Sicilia fosse stata gestita, secondo i Carabinieri, d'accordo con le famiglia criminali locali. A curare i rapporti per l'azienda sarebbe stato Ferdinando Bonanno, referente Eurospin - «condannato in appello per concorso esterno in associazione mafiosa» - in costante contatto con la famiglia Aiello. Con Vincenzo, ritenuto il rappresentante provinciale di Cosa nostra catanese, e con Alfio, il fratello. Insieme avrebbero trattato l'apertura di nuovi punti vendita ad Agrigento, nel 2004, con il benestare dell'allora boss latitante Bernardo Provenzano. Sarebbe stato un suo uomo, Giuseppe Falsone, a spiegare al capo in diversi pizzini le difficoltà economiche che affrontavano gli uomini dell'agrigentino che gestivano i supermercati di una grande catena siciliana, Despar, «sponsorizzata da Matteo Messina Denaro», spiega Arcidiacono. E sempre Falsone avrebbe raccontato a Provenzano come questo nuovo affare con Eurospin avrebbe potuto risollevare le casse mafiose locali, tra guadagni diretti dalla casse e assunzioni pilotate.

«Bonanno era così disponibile che, quando nel 2006 gli Aiello si informano sulla possibilità di aprire un punto vendita in Toscana, passa loro il numero telefonico di un dirigente Eurospin responsabile del Nord Italia», continua il maggiore. E il presunto matrimonio continua anche in Sicilia, dove la catena apre anche a Palagonia. «Acquistando terreni agricoli per 570mila euro, sicuri quindi del loro cambio di destinazione d'uso», argomenta il militare spiegando dei rapporti intercettati tra Bonanno, il presunto esponente di spicco della mafia calatina Rosario Di Dio e alcuni politici locali: grazie al «saldo legame e alla comunanza di intenti con l'allora assessore Antonino Sangiorgi e l'ex sindaco Fausto Fagone». Entrambi tra i politici imputati in Iblis.

Diversi ma sempre illeciti sarebbero invece gli affari condotti da Cosa nostra etnea a Trapani. E viceversa. Sempre tramite i rapporti intessuti da Franco Costanzo, ritenuto dai Carabinieri il referente di Enzo Aiello. Tra i tanti rapporti, ad attirare di più l'attenzione dei magistrati è la costruzione dei parchi eolici. Quasi sempre collegati al nome di Vito Nicastri, imprenditore ritenuto vicino al boss Messina Denaro. Un caso su tutti è quello già affrontato e che riguarda il parco eolico di Ramacca-Raddusa-Assoro. Tra gli imprenditori coinvolti nei lavori - e oggi nel processo - anche Santo Massimino. «Nel 2007 abbiamo riscontrato diversi contatti diretti tra Massimino e Antonino Bergamo, il perno delle attività di Enzo Aiello - spiega Arcidiacono - Con quest'ultimo, l'imprenditore si è incontrato a Sferro, dove ha chiamato una utenza di una società riconducibile a Nicastri per presentargli proprio Aiello, presente in quel momento». Un presunto preludio a nuovi affari nel campo delle energie rinnovabili.

[Foto di Leandro Rolim]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×