Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Villa Bellini, la ristrutturazione mai terminata
Il comitato: «Il sindaco apra un'indagine»

Graffiti ovunque, casine un tempo nobiliari oggi riparo per senza tetto, mostruosità architettoniche realizzate al posto dei lavori di riqualificazione previsti. È la denuncia dei cittadini che si oppongono al degrado in cui versa il più importante giardino etneo, a tre anni dalla fine ufficiale dei lavori. Costati milioni di euro e mai davvero conclusi. Per questo chiedono al nuovo sindaco di istituire una commissione e «riportare quella verità mortificata in uno dei simboli indelebili della città». Guarda le foto

Redazione

Il poeta Stesicoro apostrofato come «motto vivente». La casina del principe Biscari invasa di rifiuti e di resti di vita affatto nobiliare. Graffiti poco artistici ovunque. È come si presenta il giardino Bellini a tre anni dai lavori di ristrutturazione, mai terminati, in uno stato «sempre più impietoso e sempre più distante dalla sua antica e peculiare bellezza». La nuova denuncia arriva dal comitato Sos Villa Bellini che chiede al nuovo sindaco Enzo Bianco una risposta immediata su una storia fatta di ritardi, ingenti fondi spesi e degrado.

Inaugurata quasi tre anni fa, il 23 settembre 2010, i lavori di ristrutturazione del più prestigioso polmone verde cittadino hanno avuto una storia travagliata. A partire proprio dal taglio del nastro, che dal comitato definiscono un'attività «forzata», «che non aveva avuto il benestare della Sovrintendenza per quanto attiene il fine lavori». Operazioni di restauro in effetti mai finite, nonostante i 15 milioni di euro di fondi dell'Unione europea, poi in parte bloccati e sostituiti con un mutuo.

Il busto del poeta Stesicoro imbrattato

La potatura degli storici ficus

L'ingrasso imbrattato della casina del principe Biscari

L'interno della casina del principe Biscari

L'interno del sottopassaggio in cemento armato

Il sottopassaggio in cemento armato

Alla riapertura, l'argomento più caldo era stato forse l'assenza delle storiche papere nel laghetto centrale, benvenuto ai visitatori che entravano dall'ingresso principale di via Etnea. Ma, denunciano dal comitato, molto c'è da dire su quanto non è stato fatto, sebbene previsto dal progetto approvato, o è stato fatto male. Come la casina del Principe Biscari, «dove chiunque può accedere e fare i propri comodi», e il labirinto ipogeo del Biscari, sotto la collina sud, entrambi da restaurare e oggi invece degradati. L'ingresso della casina ha smesso da tempo di raccontare storie di nobiltà etnea ed è diventato testimonianza degli affetti dei giovani catanesi, con dediche d'amore e di amicizia in spray arancione. L'interno invece riporta i resti di vita quotidiana dei senza tetto. In attesa di ristrutturazione è anche il chiosco cinese, a Nord, distrutto dopo un incendio.

Tra quanto non è stato fatto, il comitato denuncia anche installazioni di cui invece i cittadini avrebbero anche potuto fare a meno. Come il sottopassaggio in cemento armato, «mostruosità architettonica non prevista dal progetto originario in quanto del tutto incompatibile con il giardino storico e i conseguenti vincoli monumentali ma edificata grazie ad una variante». «Per non parlare di quella ragnatela infinita di tubi neri per annaffiare lasciati a vista - continuano dal comitato - E che fanno rabbrividire ogni cittadino che ha un minimo senso dell’estetica e un ricordo ancora lucido dei meravigliosi mosaici botanici della Villa». Tra gli interventi di dubbia utilità, scrive il gruppo, anche la potatura degli storici ficus del giardino.

Esempi di ordinario degrado che, dalla riapertura a oggi, hanno portato i catanesi a disaffezionarsi sempre più al principale giardino cittadino. Per questo il comitato Sos villa Bellini «chiede al nuovo Sindaco di istituire una commissione di indagine, già richiesta al precedente sindaco e consiglio comunale ma mai realizzata, affinché si possa fare chiarezza e riportare quella verità mortificata in uno dei simboli indelebili della città».

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×