Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

I siciliani ai campionati italiani di atletica leggera
Mangione e Randazzo vanno a caccia del titolo

Tre giorni di gare a un mese dalle Olimpiadi di Tokyo, oggi lo start con i titoli della marcia, le prove multiple e le batterie dei 400 metri. Diversi gli atleti isolani presenti. Occhi puntati sulla quattrocentista di Niscemi e sul saltatore della Fiamme gialle

Dario De Luca

Cercherà il bis, provando a confermare il titolo italiano vinto nel 2020. Si tratta della siciliana Alice Mangione, originaria di Niscemi in provincia di Caltanissetta e tessera per il gruppo sportivo Esercito. La quattrocentista sarà al via già venerdì pomeriggio ai campionati italiani di atletica leggera di RoveretoMangione viene dallo stratosferico 51"74 corso a inizio giugno al meeting internazionale di Ginevra, in Svizzera. Tempo che ha posizionato l'atleta al quinto posto di sempre nella graduatoria italiana femminile. Mangione aveva già centrato il personale al meeting di Savona a fine maggio senza però riuscire ad abbattere il muro dei 52 secondi. Prima ancora i successi con la nazionale italiana con il primato nazionale al coperto nella 4x400la medaglia d'oro, con pass per le Olimpiadi di Tokyo, nei mondiali di staffetta nella categoria mista. Adesso la sfida nel giro di pista per il titolo italiano. 

Tra le donne il terzo accredito nei 1500 metri, con il tempo di 4'15"62, è quello di Giulia Aprile, originaria di Augusta, in provincia di Siracusa. Aprile quest'anno si è laureata campionessa italiana al coperto in questa specialità. Adesso dovrà vedersela con la favorita Gaia Sabbatini, capace di correre i 1500 in 4'04"23 durante l'ultima edizione della coppa Europa. Altro siciliano favorito per la conquista del titolo italiano è il saltatore in lungo Filippo Randazzo. Stessa gara per Antonino Trio. Nel salto in alto, invece, tra gli iscritti c'è Giuseppe Giarrizzo della Pro Sport 85 Valguarnera. Per la finale del disco uomini, in programma domenica alle 18, sarà presente Isidoro Mascali dell'Atletica Futura Roma. 

Matteo Melluzzovelocista della Fiamme gialle di Siracusa, sarà impegnato nei 100 metri con un tempo di accredito di 10 secondi e 25 decimi. Tra i 23 candidati al titolo italiano, davanti al siciliano, c'è solo il primatista italiano Marcel Jacobs con 9"95. Quest'ultimo, dopo un po' di tribolazioni fisiche legate a un infortunio, è recentemente tornato in pista in Polonia con un convincente 10"06. Melluzzo compare anche tra gli iscritti nella gara dei 200 metri, a fargli compagnia tra i rappresentanti dell'Isola ci sono pure Riccardo Meli del Cus Palermo, con un accredito di 21"38, e Roberto Mirabella del Cus Catania con 21"51. 

Da Catania, ma per la gara dei 400 metri, tra gli iscritti il nome è quello di Giuseppe Leonardi, appartenente al gruppo sportivo dei carabinieri. Wilson Marquez della Siracusa atletica sarà invece al via della gara dei 1500 metri. Grande attesa per i 3000 siepi con l'accredito migliore riservato ad Ala Zoghlami con 8'24"98. Nella stessa gara altri tre atleti provenienti dalla Sicilia al via: Giuseppe Gerratana del gruppo sportivo Aeronautica militare, Carmelo Cannizzaro della Running Modica e Zouhir Sahran della società Milone Siracusa.  Nelle staffetta al maschile il Cus Palermo sarà al via della 4x400 con il quartetto composto da Giovanni Barletta, Giuseppe Biondo, Alfio Andrea Sardo e Riccardo Meli. Nella marcia 10 chilometri ci sarà Desirée Di Maria del Cus Catania.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×