Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Salvezza Catania, bonifici anche dalla politica
È corsa contro il tempo in vista dell'iscrizione

A tre giorni dal termine prosegue la raccolta fondi promossa da Sigi. A rispondere, oltre ai tifosi, anche diversi sponsor storici che hanno anticipato le somme per la stagione. A loro si aggiungono alcuni consiglieri comunali e assessori del capoluogo etneo

Antonio Costa

Solo tre giorni allo scadere del termine perentorio per l’iscrizione al prossimo campionato di serie C e per Sigi continua la corsa contro il tempo per salvare il Calcio Catania dal baratro. Lunedì 28 giugno arriverà quel momento della verità di cui si parla ormai da settimane e per allora sul conto della società rossazzurra dovranno esserci i 2,3 milioni di euro che garantirebbero la sopravvivenza al club etneo in vista della nuova stagione.

L’iniziativa di azionariato popolare promossa dalla proprietà del Catania è ormai agli sgoccioli, ma non sono solo i tifosi a mobilitarsi per sostenere la società rossazzurra. Già nella giornata di ieri uno degli sponsor di vecchia data aveva annunciato di avere anticipato e aumentato la quota per il prossimo campionato. E oggi anche altri partner commerciali storici hanno risposto positivamente all’appello di Sigi, mettendo sul piatto delle somme considerevoli legate all’intera sponsorizzazione della stagione 2021-22, pur di salvare il Catania dal fallimento.

Un piccolo aiuto arriva pure dalle istituzioni cittadine, con diversi consiglieri e assessori del Comune di Catania pronti a versare una quota simbolica per cercare di dare un contributo alla causa. Nel frattempo va avanti anche la raccolta fondi dei tifosi, che da ieri pomeriggio hanno dato vita all’iniziativa promossa dai gruppi organizzati della Curva Nord proprio presso i botteghini dello stadio Angelo Massimino, dove si sono già registrate le donazioni di alcune decine di sostenitori etnei. Manca ormai pochissimo e Catania si stringe attorno al Calcio Catania per un’impresa disperata, che forse oggi sembra un po’ meno lontana. Per scoprire se l’epilogo di questa mobilitazione di massa a favore della matricola 11700 sarà positivo o meno serviranno però ancora 72 ore fatte di ansia, paura e speranza.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×