Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Incremento ippico, la Regione stoppa i licenziamenti
Così alla fiera di Ambelia si scongiurano le proteste

Una nota ferma la mobilità obbligatoria che sarebbe scattata oggi per nove lavoratori. Domani, intanto, via all'evento equestre nella tenuta in cui l'istituto - che dipende da Palermo - ha la sede distaccata. «La situazione si era fatta pesante», commenta la Cgil

Dario De Luca

Un tentativo di prendere tempo o una nuova volontà di confronto. Nel limbo delle incertezze di concreto c'è il fatto che la mobilità obbligatoria di nove dipendenti dell'Istituto di incremento ippico è scongiurata, almeno per il momento. Lo step, che nelle scorse settimane ha sollevato pesanti polemiche, doveva scattare proprio oggi, come disposto dall'ente sotto le dipendenze della Regione Siciliana. Un percorso lungo e travagliato, cominciato con una legge risalente al 2019 e pensata dal presidente Nello Musumeci per razionalizzare le risorse. A settembre, bisognerà affrontare anche il passaggio davanti al tribunale del lavoro dopo un ricorso dei lavoratori supportati dalla Cgil.  

Lo stop, intanto, è arrivato attraverso una nota dell'assessorato regionale all'Agricoltura, firmata dal dirigente generale Dario Cartabellotta. «Si convoca per il 9 luglio alle 10 un incontro per esaminare le problematiche inerenti ai lavoratori in disponibilità - si legge nel documento - Nelle more dello svolgimento dell'incontro viene sospesa per 20 giorni la procedura di mobilità del personale interessato». Al faccia a faccia, a cui saranno presenti le organizzazioni sindacali, ci sarà anche l'assessore all'Agricoltura Antonino Scilla. L'Istituto, che ha la sua sede principale a Catania, conta anche due sezioni dislocate a San Fratello, sui Nebrodi, e nella tenuta di Ambelia, tra Scordia e Militello Val di Catania. 

Lavoratori e sindacati avevano già segnato in rosso la data del 2 luglio (cioè 24 ore dopo il giorno in cui doveva scattare la mobilità obbligatoria). Quando proprio nella tenuta tanto cara al presidente Musumeci e sulla quale la Regione sta investendo milioni di euro, è previsto l'inizio della della Fiera del Mediterraneo del cavallo. Appuntamento equestre molto atteso dagli appassionati ma che rischiava di coincidere con una clamorosa protesta dei dipendenti regionali a rischio licenziamento. «Forse alla Regione hanno capito che la situazione si era fatta pesante - commenta a MeridioNews il segretario Cgil funzione pubblica Gaetano Del Popolo - Come sindacato saremo presenti a questo incontro e capiremo che sviluppi ci saranno. Se vogliono razionalizzare le risorse e spostare i dipendenti in altri enti della pubblica amministrazione diciamo che si può lavorare su questa strada».

La legge regionale prevede, nello schema iniziale pubblicato nel 2019, la riduzione dei lavoratori, tutti vincitori di concorso pubblico, da 31 a 17 con un inquadramento generale in fasce più basse. Attraverso la rimodulazione della pianta organica, gli esclusi dovrebbero essere ricollocati in altri settori della pubblica amministrazione regionale. Ma per nove di loro, invece, si è fatta strada la mobilità obbligatoria con tanto di commissario in passato nominato per applicare la legge. Attraverso questa norma ideata dall'ex ministro Renato Brunetta c'è la possibilità di equiparare pubblico a privato dichiarando un dipendente in esubero. In sostanza, una messa alla porta senza piani alternativi. Il rischio per i nove dipendenti resta ma, almeno per 20 giorni, potranno continuare a sperare. 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Palazzo di cemento, storia di uno sgombero

Per decenni la torre C3 Moncada di Librino è stata il simbolo dell'illegalità. Dalla scorsa primavera, il Comune di Catania ha condotto una lunga battaglia per strapparla agli occupanti. La vicenda dello stabile-simbolo di una periferia, dalla sua costruzione ai contrasti tra gli ex-abitanti e ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×