Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Muos, bloccata la ricostruzione dello sbarco
Arrestato a Gela l'attivista Turi Vaccaro

I No Muos hanno protestato questa mattina contro la rievocazione dello sbarco degli americani, avvenuto esattamente settant'anni fa lungo le spiagge della città della costa meridionale della Sicilia. Nel corso della manifestazione il pacifista Turi Vaccaro è stato tratto in arresto, dopo essere salito su un'auto della polizia. Per lui, che attualmente si trova nel carcere di Gela, le accuse sono di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamenti. «Protesteremo davanti al carcere», fanno sapere intanto i militanti

Leandro Perrotta

Proteste dei comitati No Muos oggi durante la cerimonia in ricordo dello sbarco alleato a Gela avvenuto tra il 9 e il 10 luglio del 1943, nel corso della quale il pacifista Turi Vaccaro è stato tratto in arresto. «Per protesta, è salito su una macchina della polizia. Ora è accusato di danneggiamento pluri aggravato e di resistenza a pubblico ufficiale», racconta Fabio D'Alessandro, uno dei manifestanti contrari alla costruzione del mega impianto di antenne satellitari a Niscemi che ha partecipato all'evento di oggi. Contrari alla rievocazione dello sbarco alleato, i militanti antimilitaristi hanno impedito ad alcuni mezzi anfibi delle forze armate di approdare sulla spiaggia della città della costa meridionale della Sicilia.

[youtube

L'azione di Vaccaro, l'attivista che lo scorso aprile era salito per protesta sulle antenne della base militare Usa, all'interno della riserva naturale sughereta, è avvenuta intorno alle 12.30 e l'uomo è stato subito tratto in arresto. «Inizialmente è stato portato al commissariato di Gela, dove abbiamo stabilito un presidio - racconta D'Alessandro -, ma un'ora fa è stato trasferito in carcere. Forse verrà processato domani, per direttissima», afferma l'attivista. Per solidarietà a Vaccaro questa sera i militanti No Muos organizzeranno «un presidio davanti al carcere».

[Video di Visionedioggi]

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Discariche di Motta S. Anastasia

Dalle proteste alle indagini che hanno scosso il settore dei rifiuti a livello regionale. La storia degli impianti di smaltimento della spazzatura che si trovano in contrada Tiritì e Valanghe d'inverno, tra i più grandi di Sicilia

Combine Catania

Dall'arresto dei vertici della squadra rossazzura alla reazione dei tifosi e della città

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews