Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Catania

Tiritì, dopo l'impegno la Regione tace
In alto mare l'ipotesi di un sito alternativo

I deputati Anthony Barbagallo (Pd) e Angela Foti (Movimento 5 stelle) hanno sollecitato una risposta del governatore Rosario Crocetta su una mozione, approvata da un mese e mezzo, che prevede la ricerca di un luogo più lontano dai centri abitati di Motta e Misterbianco per la discarica della Oikos spa. Azienda debitrice con l'amministrazione mottese di oltre cinque milioni di euro

Carmen Valisano

L'approvazione-lampo di una mozione tanto attesa, poi un silenzio lungo un mese e mezzo. L'esecutivo del governatore di Rosario Crocetta non ha ancora fatto conoscere quale sarà la sorte della mega discarica di proprietà della Oikos spa alle porte dei Comuni di Motta Sant'Anastasia e Misterbianco, nel Catanese. Con la mozione passata lo scorso 29 maggio, la Regione si è impegnata a «provvedere all'individuazione di un sito alternativo, adeguatamente distante dai centri abitati, che tenga conto dell’effettivo fabbisogno del nuovo ambito territoriale ottimale». Ma dal momento dell'approvazione della richiesta, non una parola in merito è stata spesa dal governo regionale.

A sollevare la questione in aula sono stati i deputati Anthony Barbagallo, del Partito democratico (primo firmatario della mozione), e la grillina Angela Foti attraverso un'interrogazione urgente a Crocetta e agli assessori al Territorio e all'Energia. Già a maggio, pochi minuti dopo l'approvazione, sono apparse chiare due strade: un'azione risoluta per bloccare l’abbancamento iniziato pochi giorni prima del voto, oppure l'attesa delle valutazioni (soprattutto economiche, visto un possibile danno erariale) del funzionario delegato che ha rilasciato l’autorizzazione.

Il silenzio di palazzo d'Orleans fa il paio con quello dell'amministrazione del Comune di Motta sulle royalties dovute dalla Oikos per la presenza nel territorio dell'impianto. La cifra di cui le casse comunali è creditrice è stimata attorno ai cinque milioni di euro. Per un bilancio che ha come utili 400mila euro sarebbe una boccata d'ossigeno non da poco che potrebbe far partire tutti quei lavori per i quali sono già stati impegnati dei fondi.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

I processi a Raffaele Lombardo

Dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa - conclusa con una condanna in primo grado a sei anni e otto mesi di carcere - a quella di voto di scambio insieme al figlio Toti. La cronaca completa del trascorso giudiziario dell'ex governatore siciliano

Se la Sicilia trema

Tra poche realtà virtuose e molta impreparazione, viaggio nell'isola ad alto rischio sismico

Etna libera

Attività intensa e imprevedibilità. Per queste ragioni la Prefettura di Catania ha imposto delle restrizioni per l'accesso al vulcano attivo più alto d'Europa. Ma in molti tra scienziati, ambientalisti e semplici appassionati chiedono di sospendere queste misure

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×